L’acne giovanile: scopriamo insieme i rimedi più efficaci e l’alimentazione corretta per prevenirla e combatterla.

L’acne giovanile è un disturbo estremamente comune costituito da un’infiammazione dei follicoli piliferi presenti sulla nostra cute. Perché si infiammano? Perché il corpo comincia a produrre ormoni androgeni. Colpisce infatti i ragazzi di giovane età, generalmente tra i 13 ed i 20 anni, per poi scomparire naturalmente, senza lasciare evidenti segni nella maggior parte dei casi. Si manifesta con pustoline generalmente infette e punti neri. Sono maggiormente sul viso, sulla schiena e sul petto, ma possono presentarsi ovunque. Nulla di grave, ma estremamente antiestetici dal punto di vista di chi ci convive.

In aggiunta al naturale bombardamento ormonale previsto dalla fisiologica crescita, alcuni fattori esterni possono aumentarne l’intensità. Ne sono tipico esempio l’utilizzo di cosmetici che non permettono ai pori di respirare, l’elevata esposizione ai raggi solari e l’assunzione di ormoni a scopo anticoncezionale.

Acne giovanile
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/lotta-acne-amore-di-s%C3%A9-pelle-viso-3805349/

Rimedi naturali per combattere l’acne

Per ridurre significativamente gli inestetismi portati dall’acne giovanile è necessario introdurre nella propria quotidianità una serie di accorgimenti che velocizzeranno il normale processo di scomparsa delle pustole infette e dei fastidiosi punti neri. Vediamo nel dettaglio come comportarci.

Innanzi tutto prendiamo l’abitudine di bere moltissima acqua, almeno due litri di acqua al giorno. Idratare la pelle è fondamentale per facilitare la respirazione cutanea attraverso i pori e per eliminare le tossine.

Evitare make up che ostruisca i pori della pelle. Per quanto sia invitante coprire gli inestetismi con fondotinta o terre coprenti, lo sconsigliamo caldamente. Questi prodotti infiammano ulteriormente la cute, aumentando in maniera notevole la comparsa di pustole. Qualora non potessimo farne a meno utilizziamo dei detergenti di ottima qualità per rimuoverli, evitando di mantenere il trucco per più di 4 ore consecutive.

Se non strettamente necessaria, evitare l’assunzione di ormoni a scopo anticoncezionale. Nel caso in cui si abbia una vita sessuale attiva e non si stia cercando una gravidanza, consigliamo metodi contraccettivi alternativi, quali profilattico o diaframma.

Utilizzare prodotti esfolianti per effettuare un paio di volte alla settimana uno scrub cutaneo su tutto il corpo. Esistono in commercio validissimi prodotti esfolianti adatti a questo intervento fai da te. Se si preferisce utilizzare un prodotto home made possiamo utilizzare il sale grosso o lo zucchero.

Ricordiamoci sempre di asciugare molto bene il viso dopo ogni lavaggio. Questo aspetto è molto importante per rimuovere a fondo qualunque residuo di sapone che possa accidentalmente rimanere a contatto con la pelle.

Diminuiamo il più possibile le impurità a contatto con la pelle. Aiutiamoci con prodotti disinfettanti, antinfiammatori e detergenti, diminuendo così il rischio di infezioni batteriche secondarie.

Pulizia del viso
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/skincare-la-pulizia-della-pelle-1461395/

Rimedi farmaceutici contro l’acne giovanile

Se il disturbo si manifesta in maniera severa è possibile ricorrere all’utilizzo di farmaci. Se ne raccomanda l’assunzione solo a seguito di indicazioni pervenute dal proprio medico curante o dal dermatologo di fiducia.

I farmaci generalmente consigliati dai dermatologi per la cura dell’acne sono i retinoidi. Questi facilitano la produzione di collagene e favoriscono la fisiologica esfoliazione della cute. L’insieme dei due processi eliminerà gran parte dei foruncoli presenti sulla superficie cutanea prevenendo altresì la formazione di nuove eruzioni.

Indicazione molto importante: mai assumere i retinoidi in caso di gravidanza. I farmaci teratogeni, quali i retinoidi possono essere causa di gravissime malformazioni fetali.

Alimenti consigliati per l’acne giovanile

Per combattere l’acne giovanile è utile seguire anche un regime alimentare che possa ridurre ulteriormente la formazione di pustole e processi infiammatori cutanei.

Dobbiamo impegnarci ad assumere cibi ricchi di acido pantotenico, vitamine A, C ed E. Il loro potere antiossidante favorirà la produzione di collagene e ostacolerà la formazione di radicali liberi. Frutta e verdura fresca sono un’ottima soluzione per assumere queste sostanze senza ricorrere all’utilizzo di integratori alimentari.

I fermenti lattici giocano un altro ruolo fondamentale, equilibrando la flora batterica intestinale che, se non ben regolata può manifestare problemi a livello cutaneo. Per lo stesso motivo risulta altrettanto utile assumere cibi ricchi di fibre, in grado di favorire il transito intestinale.

Alimenti sconsigliati

Dobbiamo consumare cibi di facile digestione, evitando alimenti eccessivamente grassi o fritti. Anche prodotti ad alto indice glicemico sono da moderare il più possibile. Questi ultimi vengono infatti considerate le principali cause alimentari della formazione di foruncoli.

Evitiamo inoltre bibite e alimenti molto zuccherati. Lo zucchero raffinato spalanca le porte all’espansione dell’acne, soprattutto in fase di pubertà. Cerchiamo di soddisfare la voglia di dolce con frutta fresca e ricca di liquidi.

Anche il sale non va assunto in eccessive quantità. La ritenzione idrica provocata dal sodio può facilitare l’insorgenza di nuove manifestazioni cutanee.

Fonte foto
https://pixabay.com/it/photos/lotta-acne-amore-di-s%C3%A9-pelle-viso-3805349/


Capelli bianchi precoci? Potrebbe essere un allarme del corpo!

Le proprietà del ginepro: i segreti dell’arbusto dalle incredibili virtù