Qual è l’abbigliamento adatto da donna per un battesimo ebraico? E come si svolge il rito in questione?

Se parliamo di Berit Milah, in genere citiamo una cerimonia ebraica di benvenuto. Già, perché tutti i neonati maschi della comunità sono sottoposti a circoncisione rituale, la quale deve essere effettuata da un mohel – oppure da un medico che riceve istruzioni particolari e che è riconosciuto dalle regole ebraiche.

La circoncisione rituale avviene alla presenza di familiari ed amici e proprio come una cerimonia di battesimo canonica, i genitori del bimbo offrono un rinfresco agli ospiti. Per le femminucce, invece, rituale di benvenuto si chiama Zeved habat.

Anche questo è un rito di battesimo e si traduce in “imposizione del nome”, c’è una formula particolare da pronunciare, una benedizione per la piccola, ponendole in capo il suo nome. Ci si augura – sempre nella suddetta formula – che la bambina possa crescere in buona salute, pace e tranquillità e che i genitori possano vedere la sua gioia e il suo matrimonio, figli maschi, ricchezze e onore nella sua vita, fino a tarda età.

Non c’è un abbigliamento doveroso da portare in entrambi i riti, tuttavia si raccomandano completi classici e colori tenui o pastello. Al gusto personale la scelta di tagli, accessori e tonalità.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 27-01-2016


Quanto costa tecnica fili d’oro glutei

Benefici del fitness cloro