26 Gennaio: i Santi del Giorno sono Timoteo e Tito

Discepoli di San Paolo, festeggiati nel giorno dopo la sua conversione

chiudi

Caricamento Player...

26 Gennaio: i Santi del Giorno sono Timoteo e Tito che, convertiti da San Paolo, furono due dei suoi più stretti collaboratori, latori delle sue lettere.

Il problema della circoncisione dei gentili

Uno dei primi grandi quesiti a cui la comunità cristiana dovette trovare una risposta fu: è giusto battezzare anche coloro che non sono stati circoncisi e che quindi non sono mai stati ebrei? Il problema cominciava ad avere una certa rilevanza dal momento che sempre più gentili – cioè pagani – desideravano convertirsi alla nuova religione.
Durante riunione degli Apostoli che avvenne 50 dopo la nascita di Cristo e che può essere considerato il primo Concilio della cristianità, Paolo sostenne fortemente l’idea che tutti avessero diritto al battesimo, a prescindere da quale fosse la religione professata prima della conversione al cristianesimo.

I Santi Timoteo e Tito appartenevano proprio alla categoria dei gentili: Timoteo era figlio di un’ebrea e di un gentile, che non era stato circonciso. Paolo convertì sua madre e lo battezzò di sua mano. Tito era invece figlio di pagani di Siria: convertito da San Paolo divenne anni dopo uno dei suoi più fedeli collaboratori. Paolo si batté strenuamente perché Tito non fosse circonciso, rendendo il giovane il simbolo vivente che il cristianesimo potesse essere la religione di chiunque, a prescindere da razza, nazionalità, cultura e religione di origine.
In maniera apparentemente paradossale, Paolo consigliò invece a Timoteo di circoncidersi quando si apprestava a diventare Missionario presso gli Ebrei, in maniera da essere meglio accolto presso di loro.

26 Gennaio: i Santi del Giorno sono Timoteo e Tito

Timoteo e Tito, seguendo le orme del loro padre spirituale, furono dei pii e instancabili predicatori. Spesso consegnavano alle diverse comunità cristiane le lettere del loro maestro e loro stessi ricevettero dal Santo lettere che sono divenute cardini della dottrina teologica cristiana.
Entrambi morirono in tardissima età: Timoteo ad Efeso, dove era stato inviato in qualità di Vescovo, Tito su Creta, anche lui Vescovo.

Fonte Immagine di Copertina: Nazaret.net