La pratica dello yoga per bambini può trasformarsi in un’esperienza preziosa, non solo di svago, ma anche di crescita verso la scoperta del proprio corpo.

Lo yoga, la disciplina associata alla ricerca dell’armonia, del benessere e del rilassamento, può essere ripensato in chiave ludica per renderlo adatto ai più piccoli. Lo yoga per bambini, infatti, non può essere inteso al pari di quello degli adulti e deve riuscire a coinvolgere i piccoli con esercizi graduali che li accompagnino un po’ alla volta nella pratica.

Yoga per bimbi

Il metodo ideale per far approcciare i bambini a questa disciplina è che i genitori li accompagnino alla scoperta degli esercizi. Per coinvolgere i piccoli basta trasformare gli esercizi in un gioco e far si che si divertano. Si può svolgere l’attività anche all’aria aperta e ci sono tanti modi per far interessare i bambini a questa disciplina. Ad esempio alcuni libri come “Benessere yoga per bambini” di Angela Dunemann utilizzano come base delle storie per accompagnare i piccoli alla scoperta delle posizioni, aiutandoli a scoprire gli esercizi e stimolando la loro fantasia.

Benefici dello yoga per bambini

Lo yoga può essere un toccasana per gli adulti e aiutare anche i bambini a divertirsi e acquisire al tempo stesso una maggiore consapevolezza del proprio corpo. Riuscire a eseguire correttamente gli esercizi favorirà la concentrazione dei bimbi, li aiuterà a acquisire un maggiore senso di equilibrio. Lo yoga, al pari e forse più di altri sport, aiuterà a sviluppare una maggiore flessibilità e potrà aiutare anche a risolvere eventuali problemi di postura.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Posizioni Yoga Mamma Figlia
Posizioni Yoga Mamma Figlia

Per approcciarsi allo yoga si può partire dalla respirazione, che aiuterà a rilassarsi e a prepararsi agli esercizi successivi. Ci si può accovacciare sul tappetino e invitare i bimbi a inspirare ed espirare lentamente, ad occhi chiusi. Non esiste una vera e propria età limite per iniziare a praticare lo yoga, idealmente si può iniziare già dai tre anni in su. Tra gli esercizi preferiti dai più piccoli ci saranno senza dubbio quelle degli animali, la posizione del gatto, del cane, dell’aquila o della tartaruga sono solo alcuni esempi. Si può introdurre agli esercizi accompagnandoli da storie e favolette che li possano coinvolgere e far divertire al tempo stesso.


Prendere il sole in gravidanza si può, basta seguire alcune semplici regole

Cosa si intende per endometrio proliferativo o secretivo?