Visitare Torre di Velate, uno dei beni FAI

Torre di Velate, roccaforte centenaria nelle colline di Varese. Ecco come visitare questo luogo straordinario salvato dal FAI.   

chiudi

Caricamento Player...

La Torre di Velate è fra le attrazioni più conosciute di Varese. La sua maestosità e aria suggestiva attraggono da sempre numerosi turisti. Scopriamo di più su questo gioiello turistico lombardo.

La torre

La Torre di Velate è stata costruita del XI secolo come presidio difensivo di Arona e del Lago Maggiore. Con i suoi 33 metri di altezza si staglia prepotentemente sul paesaggio naturale circostante. Nel XII secolo la torre venne parzialmente distrutta. Grazie al sostegno della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Lombardia, in collaborazione con il Centro Culturale e il Circolo Famigliare di Velate e la delegazione FAI di Varese, è stato possibile effettuare degli studi. Questi hanno evidenziato che la torre era originariamente costituita da cinque piani. Nel XIII e XIV secolo subì poi una conversione agricola dovuta ai  vigneti a terrazzamenti dell’area circostante. Alcuni ritrovamenti, tra cui monete sforzesche, confermano il fatto che la Torre di Velate è rimasta attiva almeno fino al XVII secolo.

Come arrivare

La Torre di Velate si trova in via alla Torre, Varese. Le indicazioni per raggiungerla sono le seguenti:

In macchina – Se si arriva da Varese,  bisogna seguire la strada per Laveno. Dopo alcuni chilometri si arriva a Masnago e, da lì in poi, sono presenti numerosi cartelli con le indicazioni del sito. È possibile usufruire di un parcheggio pubblico in prossimità della torre;

In autobus – Il sito è raggiungibile tramite la linea E, fermata via Saffi.

Informazioni e orari

La Torre di Velate non è normalmente aperta al pubblico. Tuttavia è visitabile su prenotazione e/o tramite visite guidate.

Il numero di telefono per contattare la struttura è 02 467615325 e l’email proprieta@fondoambiente.it. Per ulteriori informazioni visitare il sito http://www.visitfai.it/torredivelate/.

 

Fonte foto di copertina: Visitfai.it