Visitare l’Abbazia di Santa Maria di Cerrate

L’Abbazia di Santa Maria di Cerrate, un edificio suggestivo nel cuore del Salento. Ecco come visitare questo luogo straordinario protetto dal FAI.   

chiudi

Caricamento Player...

L’Abbazia di Santa Maria di Cerrate è un monastero millenario situato nel cuore della Puglia. Scopriamo di più su questo fiore all’occhiello del turismo pugliese.

L’abbazia

L’Abbazia di Santa Maria di Cerrate è uno dei più significativi esempi di chiesa in stile romanico della Puglia. L’edificio, costruito alla fine del XII secolo, venne realizzato per volontà di Tancredi d’Altavilla, conte di Lecce. La leggenda narra che la realizzazione dell’abbazia sia dovuta ad un’apparizione della Madonna avuta da Tancredi dopo aver inseguito una cerbiatta in una grotta, durante una battuta di caccia. È proprio da questo sogno che deriva il nome del tempio. Intorno all’abbazia si potevano ammirare splendidi oliveti. Non a caso, oltre alla chiesa, l’edificio presentava anche stalle, alloggi per i contadini, un pozzo, un mulino e due frantoi sotterranei. Il FAI ne ha assunto la proprietà e ne coordina la gestione dal 2012, in seguito ad un bando pubblico indetto dalla Provincia di Lecce. L’Amministrazione Provinciale di Lecce l’ha affidata con concessione trentennale.

Come arrivare

L’Abbazia di Santa Maria di Cerrate si trova in Strada Provinciale Squinzano,  Casalabate (SP 100) – Lecce . Le indicazioni per raggiungerla sono reperibili cliccando qui.

Informazioni e orari

La struttura osserva i seguenti orari:

  • Nei mesi di luglio e agosto è aperta tutti i giorni dalle 9 alle 13 e dalle 15:30 alle 20;
  • Nel mese di settembre è aperta dal martedì alla domenica dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18:30;

È possibile effettuare visite guidate su prenotazione telefonando al numero 0832 361176 o inviando una email.

Il numero di telefono per contattare la struttura è  0832 361176 e l’email faicerrate@fondoambiente.it. Per ulteriori informazioni visitare il sito http://www.visitfai.it/abbaziadicerrate/.

Fonte foto copertina: Visitfai.it