Devi partire per un Viaggio? Ecco le Novità sul Passaporto

Cambia la tassazione sui passaporti: dal 24 giugno il rilascio del passaporto costerà circa 30 euro in più rispetto a prima a cui si dovrà sommare il costo del libretto. Ma per fortuna qualche aspetto positivo c’è.. scopriamolo insieme.

chiudi

Caricamento Player...

Il rilascio del passaporto? Costa 116 euro: 73,50 euro per il contributo amministrativo per il rilascio a cui si sommano 42,50 euro del costo del libretto. I nuovi importi sono entrati in vigore martedì 24 giugno 2014. Il rilascio risulta sicuramente più costoso di quanto fosse in precedenza Passaporto: costa di più al rilascio, ma sparisce la tassa annuale, anche per chi ce l’ha già
ma la nuova modalità non prevede più il pagamento annuale della marca da bollo di 40,29 euro, con un sostanziale risparmio di cui potrà beneficiare soprattutto chi viaggia con una certa frequenza e che penalizzerà invece un po’ di più il viaggiatore occasionale.

E’ stato confermato da Milena D’Arienzo, primo dirigente della Polizia di Stato, ai microfoni di Cuore e Denari:

” Basta pagare la tassa di 73,50 euro al momento del rilascio e non è più dovuta alcuna tassa né per il passaporto collettivo né per quello temporaneo e la stessa cosa vale anche per i minori. Dopodiché per tutta la validità del passaporto, e quindi per un massimo di 10 anni, non si paga più nient’altro. Una volta ottenuto il passaporto avremo quindi un documento valido per andare in Italia, in Europa e fuori dall’Europa. Questa sarà una semplificazione innanzitutto perché in precedenza era prevista una tassa annuale che variava con la scadenza del rilascio del passaporto e questo comportava dei grossi problemi anche per ricordare la stessa data in cui andava pagata. E poi perché sommando il contributo di 40,29 per dieci anni si arrivava a totalizzare una quota che poteva arrivare a superare i 400 euro per chi viaggiava ogni anno. Solo noi in Italia avevamo questo tipo di tassazione, mentre ora siamo uniformi a tutti gli altri paesi europei. E’ chiaro che il contributo iniziale è un pochino più alto proprio perché copre una validità di dieci anni». La dott.ssa D’Arienzo ha inoltre specificato che le novità relative a questa semplificazione riguardano chi sta chiedendo il passaporto ex novo dal 24 giugno, mentre per tutti coloro che invece erano già in possesso del documento non sarà necessario chiedere un nuovo rilascio. Potranno, invece, beneficiare al pari dei nuovi richiedenti della cancellazione della tassa annuale: «non bisognerà più acquistare la marca da bollo nemmeno in questi casi, perché la normativa ha sanato anche i passaporti che sono già in vigore, quindi anche chi avesse un passaporto rilasciato nel 2006 e che scade nel 2016, potrà viaggiare fino a quella data senza dover pagare più nulla”.

La legge sul passaporto, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale pochi giorni fa, ha l’obiettivo di semplificare le procedure burocratiche per i cittadini e quindi accelerare e ridurre le procedure per il rilascio di documenti.

Leggi anche: Ecco come prevenire il Jet Lag ed affrontarlo nel migliore dei Modi

Guarda cosa accade oggi.

[jwplayer player=”1″ mediaid=”22885″]