Valentina Nappi: l’attrice hard posa più sexy che mai su Instagram

Valentina Nappi, ex allieva di Rocco Siffredi, è sempre più sexy: l’attrice hard ha pubblicato sul profilo Instagram uno scatto ad alto tasso erotico

chiudi

Caricamento Player...

Valentina Nappi non smette di stupire e in questi giorni ha pubblicato una foto dove si mostra completamente nuda (indossa solo tacchi alti), girata di schiena con lato B ben in vista e avvolta in una pellicola trasparente che stringe le sue forme generose. I suoi numerosi fan sono impazziti con questo scatto che ha ricevuto quasi 10.000 like.

La reginetta dell’italico porno è sempre più hot

Valentina Nappi

Nelle scorse settimane Valentina Nappi, in un’intervista all’agenzia Agi ha raccontato come è cambiato il mondo della pornografia dopo l’arrivo del web::

“Il problema è culturale, se il sesso fosse considerato dalla nostra società come qualcosa di normale, ce ne sarebbe già così tanto nei film cosiddetti normali che non staremmo neppure qui a discutere”.

Secondo Valentina il cinema pornografico dovrebbe essere considerato un vero e proprio “genere”:

“Sono film la cui finalità è pornografica, ovvero fatti per eccitare, così come partecipano agli Oscar film horror, fatti per spaventare.

La differenza tra arte e porno è la stessa che c’è tra arte e design: una tazza pelosa è un oggetto d’arte, non di design. Invece una tazza di ceramica è un prodotto di design perché è utile.

Dal mio punto di vista, dunque, il prodotto pornografico è fatto per essere utilizzato per eccitarsi e quindi ha una sua utilità. Comunque come per il design, non c’è un confine netto.

Dato che non si guadagna più come si guadagnava una volta, c’è l’idea che non conviene più compromettersi. Anche sul web siamo ghettizzati e non possiamo guadagnare come, per esempio, guadagna YouTube perché il porno può pubblicizzare solo altro materiale per adulti quindi è un cerchio che si chiude e i soldi non entrano.

Questo è il problema. Se potessimo pubblicizzare anche altro materiale, faremmo un altro tipo di incasso. E così le produzioni oggi vivono di membership e pochissimi dvd. Questo, però, accade in America dove i sexy shop sono negozi normali. Da noi invece li nascondono: nelle grandi città nessuno sa dove si trovino“.

Fonte foto: Instagram