Tutti abbiamo dei difetti, anche l’uomo dei sogni. Ecco come sopportare i difetti della nostra metà

Persino il grande amore della nostra vita, il “principe azzurro” che sognavamo da bambine, non è immune da difetti. Come fare per sopportare i difetti del partner? Ecco alcuni semplici consigli

chiudi

Caricamento Player...

Qualunque uomo, anche quello con cui sognamo di passare il resto della vita, non è immune da difetti.

Come se non bastasse, è stato provato che spesso ci innamoriamo di una persona, inconsciamente o meno, anche grazie ai lati peggiori.

Effettivamente si sa, se si ama, si ama nell’interezza del sentimento. Eppure non è sempre facile accettare i difetti del proprio partner.

Qualche volta poi, certi difetti possono diventare talmente difficili da sopportare da mettere in pericolo la relazione stessa.

Ecco quindi qualche consiglio su come sopportare i difetti del partner.

Un elemento chiave di un rapporto destinato a durare nel tempo è proprio l’accettazione dei difetti dell’altro. Accettarsi è riconoscere la realtà così com’è senza aspettative e giudizi. In un rapporto, quando non siamo a posto con la nostra vita ci troviamo in una sorta di resistenza che crea solo sofferenza.

Nelle coppie inoltre, molto spesso si instaura la concezione di cercare di cambiare l’altro, questo porta a clonare il partner in un prototipo di persona ideale: nulla di più sbagliato. Lo stesso vale quando si pongono alcune aspettative e poi rimaniamo delusi se non avvengono.

Tutto si modifica, anche il rapporto di coppia: all’inizio della storia, si vive in una fase romantica, poi con il tempo assumendo comportamenti confidenziali si cambia vivendo la quotidianità in maniera sobria.

Un altra regola è quella di non perdere mai di vista i valori e le qualità del partner, quelle cioè che ci hanno fatte innamorare: in questo modo i difetti avranno un peso decisamente inferiore.

Bisogna infine cercare di amare il partner incondizionatamente per quello che è in questo momento, senza pensare se ha fatto sbagli in passato. L’importante è oggi e quello che capiterà domani.