I trigliceridi sono lipidi presenti nel nostro sangue e che ci aiutano ad affrontare al meglio la nostra giornata.

Quando sentiamo parlare di trigliceridi subito un campanello d’allarme risuona nella nostra testa. Questo perché sono un importante indicatore della nostra salute. I trigliceridi, infatti, non fanno altro che segnalarci che il nostro corpo sta bene e tutto funziona correttamente. Ma se il livello dei trigliceridi sale, vorticosamente, e allora è opportuno correre ai ripari.

Super Green Pass, tutte le regole per viaggiare a Natale

Cosa sono i trigliceridi

Prima di tutto va spiegato che cosa sono i trigliceridi. Dobbiamo pensare che ogni volta che mangiamo il nostro organismo converte in grassi tutte quelle calorie di cui ha bisogno. Questi grassi, a loro volta, vengono immagazzinati nelle cellule adipose. Durante la giornata, inoltre, vengono rilasciati per garantire il giusto apporto energetico per azione degli ormoni.

I trigliceridi, insomma, rappresentano una vera e propria riserva energetica, senza di essi infatti non avremmo le energie sufficienti per affrontare al meglio la nostra giornata.

Se, però, assumiamo più calorie del nostro fabbisogno, a questo punto i livelli dei trigliceridi nel sangue aumentano, come quelli del colesterolo, e possiamo imbatterci nella ipertrigliceridemia.

esami trigliceridi
esami trigliceridi

Trigliceridi alti: cosa sono

Una dieta disordinata, l’assunzione di troppi grassi e carboidrati potrebbe portarci ad alzare il numero dei trigliceridi nel sangue. Introdurre grandi quantità di zuccheri semplici, infatti, non è mai una cosa buona. Lo stesso discorso vale anche per l’acool, anche questo, infatti, gioca un ruolo importante nell’innalzamento della soglia standard.

Una persona, inoltre, che non fa neanche un po’ di attività fisica durante il giorno ha più probabilità di avere problemi di questo genere rispetto ad altri. L’ipertrigliceridemia, inoltre, può essere causata anche dall’assunzione di alcuni farmaci.

Ma quando i livelli dei trigliceridi sono troppo alti? Sopra i 200mg/dl parliamo di ipertrigliceridemia. Se i valori, invece, si aggirano tra i 120-150 mg/dl e allora ci troviamo in una situazione normale.

I valori che vanno tra i 150-199 mg/dl, invece, sono border line. In questo caso sarà opportuno seguire una dieta equilibrata, preferire anche i kiwi, frutto che favorisce l’abbassamento dei trigliceridi.

Riproduzione riservata © 2021 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 28-03-2021


Preavviso dimissioni: quali tempistiche rispettare per evitare sanzioni?

Cosa significa espettorante?