Come fare le treccine africane? Non è così difficile come sembra, basta solo seguire la tecnica giusta. Scopriamo come avere una chioma afro.

Quando si avvicina la bella stagione, le treccine afro diventano irresistibili. Farle nel modo giusto, però, non è così semplice. Per avere un hair look davvero glamour bisogna avere delle accortezze, altrimenti potreste mandare in fumo ore ed ore di duro lavoro. Scopriamo insieme come fare le treccine africane.

Treccine africane: le tecniche per fare box braids perfette

Partiamo dalla prima regola: per fare le treccine africane avete bisogno di una mano. Da sole, infatti, è quasi impossibile procedere alla creazione di questa acconciatura. Inoltre, in base alla lunghezza della chioma, dovete calcolare anche diverse ore di lavoro. Le box braids richiedono calma e attenzione, perché non sono le classiche trecce che possiamo fare in 5 minuti davanti allo specchio. Le treccine afro, così come suggerisce il nome, sono mini, motivo per cui la chioma deve essere divisa in quattro sezioni. Aiutatevi con un pettine a denti larghi e fissate le divisioni con delle pinze.

Partite dalla prima sezione e dividetela in tante piccole ciocche, possibilmente tutte uguali. Quest’ultimo passaggio è molto importante perché, affinché le treccine risultino so cool, è bene che siano tutte della stessa dimensione. Il consiglio è quello di partire dalla sezione più bassa e poi salire verso l’alto: in questo modo non avrete ostacoli durante la lavorazione delle altre trecce. Ogni treccina deve rigorosamente iniziare dalla radice dei capelli ed estendersi su tutta la lunghezza. Al termine dovrà essere legata con un piccolo elastico, preferibilmente uno che non strappa i capelli.

Le treccine africane corte, anche se sono stupende con i capelli lunghi, sono difficili ma non impossibili da realizzare. Basterà applicare bene, o meglio alla perfezione, delle extension. Dopo di che, il procedimento per fare le trecce è il medesimo.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

ragazza treccine jeans top

Consigli per mantenere le treccine africane

Solitamente, le treccine africane non vanno tenute per più di un mese. Anche se sono bellissime e si asciugano in un lampo, è bene sottolineare che il classico shampoo non riesce a lavare i capelli in profondità. Inoltre, essendo molto strette, un tempo di ‘posa’ superiore ai trenta giorni andrebbe a rovinare la chioma, con la conseguente perdita di vitalità e forza. E’ anche questo il motivo per cui le treccine sono consigliate solo a coloro che hanno capelli forti e sani, mentre è assolutamente vietata per coloro che li hanno sottili e deboli.

Per quanto riguarda la ‘manutenzione’ delle box braids, la notte è consigliato raccoglierle in una coda bassa o applicare un foulard. Così facendo, infatti, si evita che l’intreccio si rovini. Anche durante lo shampoo fate attenzione a non sfregarle troppo, mentre l’asciugatura deve avvenire esclusivamente con un getto d’aria tiepido e non troppo forte. Ultima raccomandazione: quando decidete di cambiare acconciatura, dedicatevi un po’ alla salute dei capelli e sottoponeteli a trattamenti per recuperare forza e vitalità.


Sindrome di Asperger, il disturbo di cui soffrono Greta Thunberg ed Elon Musk

Che cos’è la vulvodinia? Sintomi, cause e possibili rimedi