La tisana di ortica è un rimedio naturale molto utile per contrastare cistiti e altri problemi. Scopriamo come prepararla e quali sono i suoi benefici.

Quando si pensa alle tisane detox o con effetti benefici non si può non menzionare la tisana di ortica.
Si tratta infatti di un rimedio naturale che si rivela molto utile in diversi casi e per contrastare patologie di diverso tipo.
Semplice da preparare, l’infuso di ortica ha inoltre svariate proprietà benefiche per l’organismo. Ciò che conta è acquistare sempre foglie che non siano trattate e seguire le istruzioni per la corretta preparazione in modo da usufruirne nelle giuste quantità.

Tisana all’ortica: a cosa serve

La tisana di ortica ha proprietà davvero benefiche. Tra le tante ricordiamo ad esempio quella di rientrare a pieno titolo tra le tisane detox.

Tosse
Tosse

A ciò si aggiungono effetti diuretici, stimolanti per il metabolismo, antinfiammatori, analgesici e fluidificanti.
Per questo motivo la tisana di ortica ha benefici sull’organismo che sono da considerarsi davvero importanti.
Oltre a quanto già detto è infatti molto utile per contrastare cistiti e disturbi reumatici.

Effetti che si possono ottenere bevendone circa una o due tazze al giorno per un periodo che va da una a tre settimane massimo.

Come preparare una buona tisana di ortiche

Preparare una tisana di ortica è più semplice di quanto si pensi e richiedere appena 10 minuti. Tempo necessario per far sì che la sua infusione doni alla bevanda tutte le proprietà sopra elencate.
Per ottenerla basta infatti acquistarne le foglie (vanno bene sia quelle fresche che quelle essiccate, purché acquistate in erboristeria o da un rivenditore di fiducia), metterle in una tazza e versarvi sopra dell’acqua calda.
Un po’ come si fa quando si prepara un normale tè.
Basterà poi lasciarle in infusione per circa 10 minuti e filtrare il tutto per avere una tisana da bere che, oltre ad essere buona, donerà anche svariati effetti benefici all’organismo.

Per chi non ne ama il sapore al naturale si può usare un cucchiaino di miele per addolcire il tutto. È invece preferibile evitare lo zucchero che, in quanto infiammante, ridurrebbe alcuni degli effetti benefici di questa bevanda.

Ecco un video di riepilogo:

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 23-01-2022


Da cosa può dipendere l’ugola gonfia?

Come combattere il prurito del cane con rimedi casalinghi