Tatuaggi per bambini: le t-shirt più originali che mai

TotTude, il brand di T-shirt particolari che simulano tatuaggi sulle braccia dei bambini, inventate da una mamma

chiudi

Caricamento Player...

Stanchi delle solite magliette da bambini? Tera una mamma di quattro figli ha creato una linea di t-shirt con tatuaggi finti, simili a quelli dei grandi: si chiamano TotTude, sono nate in North Dakota e possono essere acquistate online. Mamma e fotografa, Tera, stufa dei soliti servizi fotografici con vestiti anonimi ha usato la sua creatività e ha iniziato a produrre queste maglietti molto particolari che riproducono sulle braccia dei bambini veri e propri tatuaggi come quelli degli adulti, conferendo un’aria rock al loro stile e ai loro visi d’angelo. “Essendo una fotografa professionista, ho immortalato centinaia di bambini. I vestiti scelti dai genitori sono sempre così noiosi, soprattutto quando i loro figli devono partecipare a dei servizi fotografici”.

Come sono fatte le t-shirt TotTude?

L’idea della magliette TotTude, è quella di dare una svolta allo stile monotono dei vestiti da bambini dando un tocco glam e rock al loro abbigliamento, soprattutto per uno shooting fotografico o per un’occasione particolare, come potrebbe essere una festa, o perchè no, per la vita di tutti i giorni.

Si tratta di magliette a effetto tatuaggio sulle braccia, grazie a un tessuti in cotone e nylon trasparente decorato con cuori, scritte, teschi, tribali, decorazioni giapponesi e molto altro.

Le t-shirt di TotTude costano circa 25 euro l’uno e sono in tessuto delicato, adatto alla pelle dei bambini, che si divertiranno un sacco a indossarle.

L’idea delle magliette tatuaggio è simile a quella che hanno avuto molti grandi stilisti, in particolare Dsquared2, che ha portato per la prima volta in passerella abiti di questo tipo nella scorsa Milano Fashion Week. Gli abiti del noto brand, sono anche stati indossati da Jennifer Lopez agli American Music Awards.

 

Tatuaggi
Fonte: Facebook

Clicca qui per vedere la fotogallery!

Fonte foto: Facebook