Vediamo come funziona la talassoterapia per dimagrire e cerchiamo di capire come sfruttarla al meglio per la nostra forma fisica.

La talassoterapia è un vero toccasana per l’organismo: oltre ad avere un effetto antistress, grazie ai benefici rilassanti del clima marino, essa consente, tramite l’applicazione di fanghi di alghe, massaggi, docce o bagni con Sali del Mar Morto di migliorare notevolmente l’aspetto della pelle.

In presenza di funghi, dermatiti, eczemi e psoriasi l’alta concentrazione di sale aiuta a fortificare il metabolismo riducendo il prurito, mentre se il problema da risolvere è di tipo estetico, la talassoterapia permette tramite il miglioramento del microcircolo sanguigno di eliminare gli inestetismi della cellulite e la cosiddetta pelle a buccia d’arancia. Scopriamo meglio come funziona!

Che cos’è la talassoterapia e come funziona

Detta anche terapia del mare, questa terapia sfrutta il processo osmotico dell’acqua marina che, ricca di sale, a contatto con la pelle favorisce l’eliminazione dei liquidi che ristagnano al suo interno con conseguente drenaggio dei tessuti.

Il principio che sta alla base è quello che l’acqua di mare avrebbe una composizione praticamente sovrapponibile a quella del nostro plasma, e che dunque la pelle possa assorbire i sali in maniera quasi naturale.

La pelle appare meravigliosamente liscia e vellutata, anche grazie al movimento delle onde del mare che non solo svolge un’azione stimolante per la circolazione, ma dona anche un piacevole effetto massaggio. Se si sta seguendo una dieta ipocalorica, inoltre, l’enorme quantità di iodio presente sia nell’acqua di mare sia nell’aria innesca un processo di velocizzazione del metabolismo favorendo la perdita del peso in eccesso.

Talassoterapia
Talassoterapia

Come e dove si pratica

Per questa terapia bisogna rivolgersi a SPA o centri talassoterapici specializzati in questa pratica. Si trovano in tutta Italia, ovviamente, in località marittime.

È possibile prolungare i benefici della talassoterapia anche a casa propria: basta fare per una volta alla settimana un bagno caldo di venti minuti, con acqua a 38 °C, nella quale avremo immerso un chilo di sale marino o di sali del Mar Morto. Avremo la sensazione di avere il mare nella vasca da bagno, e l’effetto snellente e drenante sarà lo stesso sortito dalla talassoterapia di cui abbiamo beneficiato nella SPA.

Benefici della talassoterapia

Questa pratica, come avrete capito, ha come conseguenza tantissimi benefici per il nostro corpo: vediamoli più nello specifico!

• Aiuta la pelle a ritrovare bellezza ed elasticità. Inoltre è un ottimo rimedio a dermatiti, eritemi, psoriasi, eczemi e altri problemi.

• Questa terapia contribuisce a ritrovare sollievo in caso di dolori articolari o muscolari.

• Combatte la cellulite e gli inestetismi della cute.

• Aiuta a guarire da tutti i sintomi da raffreddamento e dalle patologie che interessano l’apparato respiratorio: è un toccasana, dunque, che soffriamo di tosse, raffreddore, mal di gola o se abbiamo anche problemi più importanti come bronchiti, sinusiti o influenza.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
talassoterapia

ultimo aggiornamento: 11-12-2019


Che cos’è la Melatonina e a cosa serve? Scopriamone i benefici (e gli effetti collaterali)

L’alluminio a contatto con gli alimenti fa davvero male alla salute?