Angel, Alien, Womanity: le star del cinema hanno adorato i profumi di Thierry Mugler. Ripercorriamo la storia dello stilita, dall’ascesa fino alla morte.

Nato il 21 dicembre 1948, sotto il segno del Sagittario, a Strasburgo, il fashion designer Thierry Mugler è stato un mostro sacro dell’alta moda ma anche del mondo delle fragranze. I suoi profumi, infatti, sono apprezzati da stelle come Eva Mendes e personaggi del calibro di Hillary Clinton. Sfortunatamente, però, non ha potuto continuare la sua opera, per via della morte avvenuta nel gennaio 2022 all’età di 70 anni. Scopriamo la sua storia.

Thierry Mugler, la biografia e gli inizi

Da piccolo Thierry pratica danza classica e studia design d’interni. A 24 anni si trasferisce a Parigi: in due anni diventa designer freelance per grandi maison di Parigi, Milano, Londra e Barcellona. La sua prima collezione indipendente risale al 1973, dopo di che lo stilista apre una sua boutique e lancia anche una linea maschile.

Il suo stile si distingue per le linee decise e angolari, il vitino a vespa, le spalline ampie e imbottite e il rifiuto delle stampe: solo tinte unite forti. Nella sua vita è stato anche fotografo, lavorando con nomi del calibro di Helmut Netwon.

La vita privata di Thierry Mugler

La vita privata di Thierry Mugler non è mai stata al centro della scena, perché preferiva far parlare il suo lavoro prima di tutto. È stato apertamente gay, ma non è mai trapelato niente su un possibile compagno, forse per via dei tempi non ancora maturi.

Si era ritirato dalle scene nel 2003, e in questo periodo ha deciso di dedicarsi al bodybuilding e al culturismo. Su Instagram era seguitissimo, in particolare nell’ambito del fashion. La sua morte è avvenuta nel gennaio 2022, e ne ha dato notizia il profilo Instagram con un post:

Quali sono i profumi Thierry Mugler più famosi?

Il primo profumo di Thierry Mugler è Angel, nato nel 1992. Cioccolato e patchouli sono le note principali, creando un tipo di fragranza dolce detta gourmand. La versione Angel Etoile des Reves sarà classificata tra le migliori fragranze invernali 2017.

Grande successo anche per i profumi Thierry Mugler Alien (2005) e Womanity (2010), prima fragranza dolce-salata con note di fico fresco, accordo salato, legno e foglie di fico. L’ultima sua creazione è stata Aura (2018).

E la moda? David Koma per Thierry Mugler

David Koma è direttore artistico della maison dal 2013, e l’ideatore di una linea pret-a-porter in rosso, bianco, nero e blu. Degno successore di Mugler, ritiratosi nel 2003, Koma ne ricalca i tratti netti, geometrici e futuristici. Gli abitini corti hanno spalline rigide dai richiami spaziali, come i colletti alti, le gonne asimmetriche e le lunghe scollature.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 24-01-2022


Chi è Gloria Campaner: quello che non sai sulla pianista legata a Alessandro Baricco

Prada: la collezione autunno/inverno 2022-2023 interpretata da attori internazionali