Cortometraggio in Famiglia, a Sophia Loren il David di Donatello

Nuovo prestigioso riconoscimento per Sophia Loren grazie all’interpretazione in “Voce Umana”, cortometraggio girato dal figlio Edoardo Ponti. Il Consiglio Direttivo dell’Accademia del Cinema italiano ha deciso di assegnarle il David di Donatello.

chiudi

Caricamento Player...

Un’altra splendida interpretazione sul grande schermo, questa volta in un cortometraggio girato dal figlio Edoardo Ponti, permetterà alla splendida Sophia Loren di conquistare uno dei Premi speciali della 58.a edizione dei David di Donatello. In Voce Umana, lavoro presentato all’ultimo Festival del cinema di Cannes, l’attrice nata a Roma interpreta Angela, una donna al telefono con l’amante che l’ha lasciata e del quale non si sente mai la voce. Ispirato al celebre testo di Jean Cocteau e sceneggiato in napoletano da Erri De Luca, il corto ha ricevuto numerosi apprezzamenti dalla critica francese. Merito di Sophia Loren, che ha impersonato il ruolo che fu di Anna Magnani. Quest’ultima interpretò lo stesso personaggio nell’episodio L’amore diretto da Roberto Rossellini.

Fu proprio grazie all’interpretazione della collega che Sophia Loren, allora 14enne, decise di diventare attrice. Un ruolo particolarmente complicato che nasce dall’interruzione di un amore tra Angela e il suo uomo. Tra i due non si riesce ad instaurare una conversazione telefonica e, anche per questo motivo, il personaggio femminile tenta di togliersi la vita.

“La felicità esiste. E’ anche quando mi dicono che ho avuto un premio” ha detto Sophia Loren appena saputo della vittoria del David di Donatello:

“Per me non è facile presentare un lavoro a Napoli. Quando torno mi sento circondata da un tale calore, perchè ho passato tutta la mia gioventù e mi sento davvero bene”.

Per Sophia Loren l’ennesimo premio per una carriera straordinaria. Ad oggi l’attrice italiana più amata al mondo ha vinto tra l’altro sei David di Donatello come miglior attrice protagonista, un Oscar, un Leone d’Oro alla carriera e due Nastri d’Argento.

Ulteriore soddisfazione è l’aver lavorato con il secondogenito Edoardo Ponti, figlio del produttore Carlo, e regista di pellicole come “Aurora” (1984), “Away we stay” (2011), “The girl from Nagasaki” (2013).

Lorenzo Lucon.

Guarda cosa accadde oggi.

[jwplayer player=”1″ mediaid=”16301″]