Skin gritting, il rivoluzionario metodo per eliminare i punti neri

Dal web arriva un nuovo metodo per eliminare i punti neri una volta per tutte: lo skin gritting. Vediamo di cosa si tratta e come funziona.

chiudi

Caricamento Player...

Tutte noi donne (ma anche gli uomini) combattiamo contro i punti neri, che non colpiscono solo chi soffre di acne. Si tratta, infatti, di accumuli di sebo che si formano nei pori e che, quando emergono in superficie, si ossidano e diventano scuri. La pelle grassa, il make-up comedogeno, lo stress e l’alimentazione scorretta sono sicuramente i principali responsabili della formazione dei punti neri.

Di solito si presentano sulla zona T, ovvero sulla fronte, sul naso e sul mento, ma possono formarsi anche sulle guance, sul petto e sulla schiena. Rimuoverli non è facilissimo, perché spesso i rimedi naturali non sono abbastanza efficaci e premendoli si rischia di provocare infiammazioni e infezioni, che possono causare brufoli e macchie sulla pelle. Su Reddit, però, alcuni utenti hanno scoperto un metodo a quanto pare rapido e infallibile, chiamato skin gritting. Vediamo di cosa si tratta!

punti neri

Che cos’è lo skin gritting per eliminare i punti neri

Lo skin gritting è molto semplice da fare, basta avere due prodotti: uno struccante oleoso e dell’argilla verde per fare una maschera viso. Il primo step prevede la pulizia del viso con il detergente oleoso, che va massaggiato delicatamente sul viso.

Senza risciacquare, bisogna poi applicare la maschera viso a base di argilla verde, da tenere in posa per circa 10 minuti, fino a quando non avrà cominciato ad asciugarsi. A questo punto bisogna rimuoverla con acqua tiepida e poi lavare di nuovo il viso con il detergente oleoso, questa volta strofinando vigorosamente la pelle per farlo penetrare bene.

Strofinando, i punti neri e i filamenti sebacei dovrebbero cominciare ad emergere in superficie da soli. A giudicare dalle foto postate su Reddit, lo skin gritting è davvero efficace, perché i punti neri vengono rimossi senza premere, ma alcuni dermatologi hanno giudicato questo metodo troppo aggressivo, sconsigliandolo a chi ha la pelle molto sensibile.