Come riconoscere l’infezione da anisakis e come curarla

Da anni spopola in Occidente la moda della cucina giapponese, famosa soprattutto per il sushi e il sashimi. Proprio come il carpaccio della cucina nostrana, questi piatti sono a base di pesce crudo e perciò comportano qualche rischio. Se il pesce crudo non viene propriamente trattato, infatti, può contenere nello stomaco i cosiddetti vermi anisakis. Ingerirli comporta l’insorgenza dell’anisakidosi, patologia dagli effetti fastidiosi. Scopriamo quali sono i sintomi dell’anisakidosi e come tutelarsi per evitarli o curarli.

Che cosa sono l’anisakis e l’anisakidosi

L’anisakis è un parassita che vive nello stomaco di varie creature marine, traendone nutrimento. Solitamente migra dai pesci ai cetacei a causa della catena alimentare, e l’uomo può esserne una vittima accidentale se mangia pesce crudo infetto. La cottura, al contrario, uccide uova, larve e vermi anisakis. L’anisakidosi o anisakiasi è l’infezione che ne deriva, causata con più probabilità da: acciughe, aringhe, lampuga, sardine, pesce sciabola, sgombro, tonno, pesce spada, ricciola, merluzzo, branzino, pesce san pietro, nasello, triglia, rana pescatrice, scorfano, calamaro e salmone marino. I pesci di fiume invece non sono pericolosi, perché l’anisakis si sviluppa in acqua salata.

Sintomi dell’anisakidosi e rimedi

Una volta ingerito, l’anisakis penetra nell’apparato gastrointestinale e mette in crisi il sistema immunitario. A seconda della regione anatomica colpita, causa 5 tipi di infezione:

  1. Luminale (tratto esofageo): prurito, solletico, bruciore alla gola
  2. Gastrica (stomaco): dolori addominali, nausea, vomito
  3. Intestinale: coliche, nausea, vomito
  4. Intraperitoneale (fegato, cistifellea e mesenterio): dolori addominali, diarrea e stitichezza alternate, sangue nelle feci
  5. Allergica (in soggetti allergici): rash cutaneo, orticaria, rigonfiamenti, lacrimazione agli occhi, rinite, asma, anafilassi

La terapia farmacologica contro l’anisakidosi è a base di albendazolo, che dovrebbe combattere l’infestazione ma non sempre funziona. Altrimenti, basta curare i sintomi con farmaci cortisonici in attesa che i parassiti muoiano e l’infezione passi. Solo in casi gravi si dovrà ricorrere a intervento chirurgico.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 16-05-2017


Erasmus in Spagna, dove farlo

Idee per regali di matrimonio