Sin City 2 sarà nelle sale dal due ottobre con protagonista Jessica Alba

Sin City 2 si ricollegherà nella sua trama con i personaggi del precedente film, inserendone di nuovo: una donna per cui uccidere.

chiudi

Caricamento Player...

La pellicola Sin City 2 è firmata da Robert Rodriguez e Frank Miller. In metà delle sale sarà trasmesso in 3D, con Keyfilms.

Tra i personaggi di Sin City 2 ci sono il crudele senatore Roark (Powers Boothe), il giocatore d’azzardo Johnny (Joseph Gordon-Levitt) Nancy (Jessica Alba), Hartigan (Bruce Willis), Marv (Mickey Rourke); Dwight (Josh Brolin) e Ava (Eva Green). Miller e Rodriguez a Roma per l’anteprima del film hanno raccontato un po’ di cose sul film. Rodriguez dice:

“All’epoca del  primo Sin City nessuno sapeva di preciso cosa stava facendo perché era tutto nuovo, il green screen, il CGI… non capivano bene come funzionava per cui dovevano fidarsi di me. Questo è stato più semplice da realizzare perché ora tutti sapevano di cosa si trattava. L’innovazione maggiore di Sin City 2 è il 3D, che mette in evidenza il modo astratto in cui Frank disegna e porta lo sguardo dello spettatore su quello che ci interessa fargli vedere ai fini della storia. Crea una prospettiva che è quella dello spazio delle tavole di Frank, che sono essenziali. In questo senso, come anche l’uso del colore, aiuta la storia di Sin City 2 ed è quindi molto diverso dal 3D che si vede di solito al cinema“.

Il personaggio di Dwight-Clive Owen,  è interpretato da Josh Brolin. Durante Sin City 2 il personaggio cambia faccia, ma non ci sono due attori. Così spiega Rodriguez.

“L’idea è sempre stata quella di avere un attore diverso per Dwight nella prima parte e nelle ultime scene Clive Owen, che era molto impegnato ma si era reso disponibile visti i tempi delle riprese. Quando però abbiamo visto il girato di Brolin, ci piaceva talmente tanto la sua performance che abbiamo avuto paura che la gente non accettasse questo cambiamento. Abbiamo deciso di provare e se non avesse funzionato avremmo chiamato Clive, ma alla fine per noi è stato evidente che Josh avrebbe dovuto finire la storiadi Sin City”.