Si legge tra le righe un riferimento al conflitto in Ucraina, anche se Stefania della Kalush Orchestra è stata scritta per la madre del cantante.

“Troverò sempre la strada di casa, anche se tutte le strade sono distrutte”: questo il passaggio certamente più toccante della canzone “Stefania” (si pronuncia con l’accento sulla i) della Kalush Orchestra, la band dell’Ucraina all’Eurovision Song Contest 2022. Impossibile non pensare a quanto sta accadendo nel loro Paese: la guerra, la distruzione, le strade – per l’appunto – che in molte cittadine non esistono più.

Stefania, la canzone dell’Ucraina: il significato

La canzone era stata scritta da Psyuk (il cantante della band) per la madre. Nel testo infatti si legge: “Madre, cantami la ninna nanna. Voglio sentire la tua cara parola. Mi cullava da piccola, mi dava un ritmo…”. E ancora: “Non sono più un bambino, ma mi tratterà sempre come tale. Non sono più un bambino, ma continua a preoccuparsi per me, ogni volta che esco”.

eurovision
eurovision

Ovviamente lo scoppio della guerra ha portato una sorta di trasposizione dalla madre alla patria. E quella frase così particolare, quelle strade distrutte, si prestano anche a questa interpretazione.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

Eurovision

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 10-05-2022


Eurovision, chi sono i Big Five?

Eurovision, i primi 10 qualificati alla finalissima: avanzano Ucraina e Islanda