Shopping: Amazon si allea con Twitter ed i Consumatori potranno comprare un Prodotto con un Tweet

Battezzata #AmazonCart negli Stati Uniti e #AmazonBasket nel Regno Unito, i due Paesi dove finora il servizio è disponibile, il sistema unisce gli account Twitter e Amazon degli utenti che potranno così comprare solo con un tweet.

chiudi

Caricamento Player...

Mancava ancora lo shopping alla lista delle funzioni cui presto si potrà accedere con un cinguettio. Tutto fino a poche ore fa: Twitter e Amazon hanno annunciato di aver siglato un accorda già operativo, per consentire agli iscritti a Twitter di riempire il carrello su Amazon a colpi di tweet.

Come funziona? Quando un cliente legge un tweet del suo artista favorito, di un esperto, di una marca o di un amico con un link con un prodotto su Amazon.com, basterà aggiungere alla propria risposta un tweet seguito dall’hashtag #AmazonCart o #AmazonBasket per ritrovarlo nel proprio carrello su Amazon.

“Aggiungilo ora, compralo più tardi”

è lo slogan con cui la società fondata da Jezz Bezos ha presentato in un video la nuova possibilità. La mossa non solo permette ad Amazon e ai suoi venditori di avere una nuova piattaforma per presentare i prodotti, ma cerca di portare all’interno del suo negozio online gli iscritti al social media, da quando il colosso ha iniziato a indicare su Twitter quali acquisti un utente aveva fatto.

Shopping: Amazon si allea con Twitter ed i Consumatori potranno comprare un Prodotto con un Tweet
Shopping: Amazon si allea con Twitter ed i Consumatori potranno comprare un Prodotto con un Tweet

Niente più password, né difficoltà nel ricordare l’oggetto del desiderio passando da un sito all’altro: dopo aver collegato i profili personali Amazon e Twitter, l’utente registrato aggiungerà un prodotto al carrello con un tweet.

A operazione conclusa, l’account ufficiale @MyAmazon invierà un tweet di conferma, mentre Amazon recapiterà un’email contenente l’aggiunta al carrello personale. Dopodiché, sarà l’utente a dover completare l’acquisto su Amazon, dando seguito ai suoi tweet.

Sembra che ad oggi Twitter non abbia diritto a una percentuale sugli acquisti e sulle transazioni procurate ad Amazon, né avrebbe ottenuto l’esclusiva della collaborazione con il colosso dell’ e-commerce, aperto così a nuove partnership con Facebook e non solo.

Con questa mossa il social network punta a mantenere gli iscritti sulla sua piattaforma e a farli interagire a suon di tweet per più tempo possibile. Aumento del tempo di permanenza e del numero di tweet pubblicati dagli utenti, possono significare molto in termini di vendita di spazi pubblicitari.

Emanuela Bertolone.

 Guarda cosa accadde oggi:

[jwplayer player=”1″ mediaid=”14196″]