I vestiti second hand aprono le porte ad un nuovo mercato: nel 2023 il nostro armadio sarà più vintage.

La nuova direzione del fashion system attenta ad una produzione sostenibile e che cerca di fare del “riciclo” una tendenza da indossare e valorizzare è senz’altro complice della lenta crescita del mercato second hand, a cui la Gen Z con il suo sentimento curioso e nostalgico verso il passato ha senza dubbio contribuito, influenzando anche i millennial. D’altronde l’esplosione del trend Y2K che spopola da questa primavera non è che la naturale constatazione: pensate solo alla gioia dei millennial di trovarsi un guardaroba alla moda già bello e fatto da indossare, se non alla possibilità di rivendere pezzi unici e introvabili perché esclusivamente nati e acquistati in quel periodo.

Inizialmente la passione per i mercatini vintage e la caccia al pezzo d’abbigliamento di collezioni limitate lanciate nel passato o di capi usati, che un tempo si diceva non si portassero più, pareva appannaggio underground condiviso da estimatori del passato, oggi invece la musica è cambiata: il second hand sembra sarà il mercato più in crescita nel 2023 che nutrirà i nostri armadi.

Second hand: vestiti usati e di seconda mano, una valore e un patrimonio in crescita

Qualche numero per comprendere il fenomeno a cui stiamo assistendo è importante. Rispetto al 2020 infatti il mercato second hand ha triplicato il suo valore secondo quanto riportato da Boston Consulting Group e Vestiaire Collective, piattaforma leader nella rivendita di moda di seconda mano, crescendo tra i 100 e i 120 miliardi. Sebbene questa fetta di mercato sia ancora in crescita, si stima che nel 2023 il 27% dei nostri armadi sarà costituito da capi usati.

Chi sono i maggiori consumatori che stanno incrementando questa tendenza? La Gen Z è in testa con un 31% di propensione all’acquisto e un 44% alla vendita, seguiti dai millennial, giovani di diverse fasce d’età che stanno senz’altro cambiando le loro abitudini d’acquisto, volte ad una maggiore consapevolezza dell’impatto che la moda e i vestiti hanno sull’ambiente.

Il second hand infatti riesce ad unire due necessità: quella di sentirsi trendy e personalizzare il proprio abbigliamento inquinando quanto meno possibile. Inoltre essendo la moda ciclica, rivendere un capo è anche l’occasione per riacquistare con i soldi della vendita un altro capo o accessorio che si desidera. Ecco perché i grandi brand, ma presto dovrebbe toccare anche al fast fashion soffermarsi sulla questione, stanno decidendo seriamente di accogliere e fare proprio questo mercato. Gucci e Balenciaga sono gli esempi più evidenti.

Caccia al pezzo unico, un catalogo variegato e decluttering:ecco perché l’usato piace

Non c’è però solo una sensibile attenzione all’ambiente. L’usato piace anche perché propone un catalogo di accessori e abbigliamento in crescita continua, stimolando anche un certo piacere nel ricercare e aggiudicarsi quel pezzo limitato prima di altri. Una sorta di vanità nel rendere il proprio stile ancora più personale.

A ciò si aggiunge anche l’esigenza non solo di rinnovare ma anche svuotare gli armadi per questioni di spazio, motivo che spinge ben il 60% di chi vende articoli usati, ma anche a utilizzare i soldi della vendita per acquistare articoli di seconda mano, prima mano o altro, motivazione che spinge lo stesso target in una stima che va dal 20 al 39%. Insomma, il motto del prossimo anno sarà Vestiti in circolo.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 12-10-2022


Effetti glow e colori sfavillanti dagli occhi alle labbra: le tendenze make up dell’autunno/inverno 2022-2023

Tra frange, cristalli e trasparenze: le tendenze dalla MFW da appuntare per l’estate 2023