Vestirsi nell’autunno/inverno 2021/2022 sarà un rituale, attento alla creazione di look surreali e non convenzionali: indossare è scintillare, secondo Schiaparelli.

Ci aveva già incantato a Gennaio con la sua Haute Couture primavera/estate 2021, e torna a farlo ancora una volta, con il suo onnipresente oro, tra tessuti e gioielli. Schiaparelli racconta così un autunno/inverno dove si riscopre la bellezza di farsi belle, impreziosirsi, scegliendo la miglior mise possibile.

Il punto di forza e la sfida della maison, di cui Daniel Roseberry mostra ancora una volta di essere l’erede ideale di Elsa Schiaparelli, è quello di tramutare l’eccentrico in pret a poter.

Schiaparelli: gli abiti come opere d’arte

C’è una continuità tra la primavera/estate e l’inverno che verrà nella collezione firmata da Schiaparelli, ed è da ricercare prima di tutto nel raccontare l’abito come un’opera d’arte, una scultura che si esprime attraverso il design, i tessuti e gli accessori.

L’accessorio, il dettaglio o meglio ancora il gioiello è sempre un punto di partenza, che offre una lettura differente anche ad un capo minimal come il blazer nero, impreziosito da un ciondolo a forma di catenaccio in oro. Un look da appuntare e da cui lasciarsi ispirare per sfoggiare nel prossimo inverno quei bijoux o quelle spille maxi che teniamo nascoste da un po’.

La ricerca dello stravagante, dell’inaspettato, è alla base del ready to wear Schiaparelli, che immagina il momento della scelta d’abito come una vestizione sacra: un atto decorativo più che necessario.

Schiaparelli: autunno/inverno 2021-2022 in ready to wear

La versatilità è l’elemento distintivo della collezione invernale Schiaparelli, espresso attraverso le potenzialità di un capo, comodo e surreale allo stesso tempo. Anche questa volta, come nella stagione attuale, l’oro è l’elemento distintivo che consolida uno stile ormai chiaro e definito.

La giacca in tweed, capo protagonista anche del prossimo inverso, viene rivisitata alla Schiaparelli, che al classico bianco e nero fonde tocchi del suo oro liquido, che invade accessori e abbigliamento senza contenersi.

Stesso destino anche per il capotto in stampa check che ai classici bottoni preferisce quelli in design lavorato a mano, per un effetto prezioso e contemporaneo.

Occhio anche alle scarpe, altissime, vertiginose: zeppe platform che puntano al cielo, per sentirci in passerella ogni giorno, sicure e fiere dell’opera/abito che avremo scelto per rappresentarci.


Fashion renting: il nuovo trend ai tempi della pandemia

Gucci: collezioni pret-a-porter esclusive ed inclusive, sotto la guida di Alessandro Michele