Cos’è la quinta malattia? Scopriamo come si manifesta, quali sono i sintomi più comuni e quali le terapie utilizzate.

La quinta malattia è una malattia infettiva che viene provocata da un’infezione virale da parte del Parvovirus B19. Si tratta di una malattia molto contagiosa che si risolve spontaneamente nel giro di qualche settimana e non richiede particolari trattamenti. Vediamo quali sono i sintomi che caratterizzano questa patologia infettiva.

Quinta malattia: sintomi

La comparsa dei sintomi è preceduta da un periodo di incubazione che può andare dai 4 ai 21 giorni. I sintomi possono variare, ma nella maggior parte dei casi il segno caratteristico è la comparsa di macchie rosse sul viso che si concentrano soprattutto nell’area delle guance. Alcune macchie, anche se meno intense rispetto a quelle del volto, possono comparire anche sul tronco, sulle braccia e sulle cosce. Spesso l’esantema della quinta malattia tende a essere in rilievo e interessa entrambe le guance, mentre le macchie che compaiono sul resto del corpo possono essere anche accompagnate da prurito.

Bambina febbre malattia
Bambina febbre malattia

Oltre all’esantema altri sintomi possono ricordare quelli di un’influenza, possono manifestarsi febbre, mal di gola, dolori muscolari e mal di testa insieme alla sensazione di malessere generalizzato. Se nei bambini il sintomo caratteristico è proprio l’esantema sulle guance, negli adulti spesso non si manifesta, ma i sintomi che si avvertono includono dolore alle articolazioni e sintomi simili a quelli di una comune influenza.

Quinta malattia nei bambini

La quinta malattia è così chiamata perché è stata la quinta malattia esantematica ad essere stata scoperta. Come abbiamo detto si tratta di un’infezione virale che colpisce soprattutto i bambini e si diffonde facilmente nell’ambiente scolastico. La sua insorgenza tende a concentrarsi soprattutto tra la fine dell’inverno e l’inizio della primavera, tuttavia può comparire anche in altri mesi. La trasmissione avviene soprattutto attraverso tosse e starnuti.

Bambina con la tosse
Bambina con la tosse

Visto che si diffonde durante il periodo di incubazione, durante il quale non si manifestano i sintomi, risulta difficile prevenirla. Le uniche accortezze che si possono adottare riguardano le consuete norme igieniche. In genere non è necessario ricorrere a particolari terapie, quando è presente la febbre il medico può suggerire l’utilizzo di antipiretici per farla abbassare.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 29-10-2021


Vomito nei bambini: come comportarsi

Origine e significato dei nomi con la C più usati