Il raschiamento è una procedura medica molto delicata per una donna. Scopriamo quanto tempo dura e in cosa consiste

Il raschiamento, o revisione uterina, è un’operazione molto delicata per una donna che quasi sempre non evoca una sensazione piacevole, trattandosi di una pratica medica successiva ad un aborto che può essere spontaneo o volontario.

Data la delicatezza dell’argomento, è bene essere informate al meglio sia sui tempi che sulle modalità di svolgimento dell’operazione, in modo da affrontarla nella maniera più serena possibile.

Il raschiamento consiste nello svuotamento e revisione della cavità uterina tramite l’asportazione del prodotto del concepimento.

Durante l’operazione il collo dell’utero viene dilatato per permettere il passaggio dei ferri chirurgici tramite i quali effettuare il raschiamento delle pareti uterine.

L’intervento viene effettuato in Day Hospital e la donna può ritornare a casa in giornata.

L’operazione si effettua in regime di sedazione farmacologica profonda simile ad un’anestesia generale ma senza intubazione, e ha una durata di 10/15 minuti.

A seconda dello stato di avanzamento della gravidanza, le modalità di svolgimento dell’operazione possono variare.

Se il periodo gestazionale non è molto avanzato, il materiale ovulare è rimosso con una cannula aspiratrice.

Se la gravidanza ha superato la nona/decima settimana, invece, si somministrano prostaglandine vaginali, che, dilatando il canale cervicale e stimolando le contrazioni uterine, portano ad un’espulsione spontanea dell’embrione. Solo se ciò non avviene, si ricorre all’asportazione chirurgica.

Infine, se la gestazione è alle sue fasi iniziali, si aspettano alcuni giorni prima di intervenire, perché potrebbe esservi un’espulsione spontanea.

Non ci sono controindicazioni all’intervento: solo in caso di malattie preesistenti come insufficienza cardiaca o obesità possono sussistere dei rischi.

Nei casi più delicati per evitare l’insorgere di complicazioni nel corso dell’operazione, l’anestesia totale è sostituita dall’anestesia spinale, tramite la quale si addormenta solo il collo dell’utero, senza incidere sullo stato di coscienza del paziente.

Durante l’operazione l’endometrio non è soggeto a nessuna lesione, questo fa sì che non venga pregiudicata la fertilità della paziente, rendendo possibili gravidanze future.

Nei giorni successivi al raschiamento, è frequente riscontrare nelle pazienti perdite ematiche, che si esauriscono in 7-10 giorni.

Nonostante non vi siano alte possibilità di complicazioni nel post-operatorio, è bene seguire alcuni accorgimenti:

  • evitare di avere rapporti prima che siano trascorso il tempo minimo di 10 giorni dall’operazione;
  • evitare di fare il bagno e preferire la doccia per almeno 2 settimane;
  • utilizzare detergenti intimi disinfettanti specifici.

Se nei giorni successivi all’operazione dovessero presentarsi perdite abbondanti e maleodoranti e brucione è assolutamente necessario rivolgersi al proprio ginecologo per un consulto.

Scopri quello che c'è da sapere sul dimagrimento... potresti rimanere sorpresa.


Come funziona la talassoterapia per dimagrire

Dove comprare scarpe Christian Louboutin a Firenze