Divorziare in Giappone? Sì, ma solo se la colpa non è vostra!

Fedifraghi di tutto il mondo, non tradite nel Sol Levante: divorziare in Giappone costa parecchio, e si può dire davvero che chi sbaglia paga: nel caso di coppie non ancora in odore di pensione, chi ha commesso atti di infedeltà o ha avuto comportamenti che hanno causato la separazione, deve tassativamente elargire all’ex-coniuge la somma di 4 milioni di yen, che corrispondono a circa 50.000 euro, somma che spesso i divorziati devono pagare tramite carta di credito o prestiti al consumo, con conseguente aumento del 15 – 20% relativo agli interessi annui.

Il Giappone ha una percentuale di divorzi piuttosto bassa rispetto a Europa e Stati Uniti: ad esempio nel 2006, si sono registrati soltanto 2 divorzi ogni mille unioni contratte.

Tuttavia, le richieste di divorzio stanno aumentando, e in maniera particolare quelle avanzate da donne in età non più verdissima. Questo perché nel 2005 l’allora ministro delle pari opportunità giapponese Kuniko Inoguchi stabilì che in caso di divorzio post-pensionamento, il coniuge non tutelato (e in Giappone sono sempre le donne la parte ‘debole’ della coppia) avrebbe avuto diritto al 50% della pensione del coniuge, indipendentemente da chi potesse averne la colpa o la responsabilità. In questo modo, numerose donne che in gioventù avevano subito i soprusi di mariti despoti che molto spesso erano state costrette a sposare, hanno avuto modo di vivere una terza età libere e con una disponibilità di denaro non indifferente.

Per chi divorzia ‘a scopo di lucro’, inoltre, sempre il Giappone esistono agenzie che, su richiesta di mogli stufe della vita di coppia e desiderose di libertà, forniscono donne bellissime che hanno il compito di far perdere la testa al marito facendosi però scoprire, in modo tale da renderlo palesemente colpevole ed obbligarlo a divorziare addossandosi la colpa e a pagare alla ex moglie una cospicua sommetta.

Cosa non si fa per amore? Macché! Per denaro!

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2023 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 25-05-2015


Migliori posizioni sessuali sedile posteriore auto

Modello abito sposa Natasha Poly