Problemi gastrici fastidiosi? Scopriamo quanto carbone vegetale usare contro il reflusso.

Il carbone vegetale è un toccasana per favorire l’espulsione dell’aria ingerita in eccesso a causa di cattiva alimentazione, allergie o intolleranze alimentari, colite nervosa, stress, ansia e tutta una serie di disturbi gastrointestinali che causano molti fastidi a chi ne è affetto.

Il carbone vegetale è un insieme di fibre vegetali ricavate da piante quali il salice o la betulla, rese porose grazie al processo di pirolisi a cui è stato sottoposto il loro legno e quindi in grado di assorbire l’eccesso d’aria che si è accumulato all’interno del nostro organismo e facilitarne il rilascio con conseguente miglioramento della digestione, riduzione della stitichezza e di tutte quelle sostanze nocive inconsapevolmente accumulate nell’alimentazione.

Quanto carbone vegetale usare contro il reflusso?

La dose giornaliera consigliata è di sei o sette compresse da assumere con un bicchiere d’acqua, o un numero equivalente di cucchiaini di carbone in polvere da sciogliere sempre in acqua, ma nel caso specifico del reflusso è consigliabile associare l’assunzione del carbone con una dieta a base di finocchio ed anice, alimenti in grado di ridurre la fermentazione addominale facilitando la digestione e quindi di combattere il gonfiore addominale.

Nel caso si stia seguendo una terapia antibiotica è bene evitare di assumerlo, o di farlo a tre o quattro ore di distanza dalla somministrazione del medicinale, perché l’uso di un integratore come il carbone vegetale potrebbe interferire con i principi attivi dell’antibiotico, stessa cosa per quanto riguarda la pillola anticoncezionale, della quale potrebbe sensibilmente ridurre l’efficacia, quindi attenzione.

Scopri quello che c'è da sapere sul dimagrimento... potresti rimanere sorpresa.


Come fare centrotavola con bacche per Natale

Come fare centrotavola argento per Natale