Cos’è quella che definiamo “ritenzione idrica” e quanta acqua è consigliato bere contro questo fastidioso effetto collaterale?

L’acqua è un elemento facile da assorbire, non appena viene ingerita, è immediatamente assorbita attraverso lo stomaco. La nostra attività metabolica è regolata dai liquidi, quindi l’acqua è assolutamente essenziale per un metabolismo funzionante a dovere.
Tutta l’acqua extracellulare che “gonfia” tante donne e fa in modo di creare tutta una serie di conseguenze estetiche negative è causa della cosiddetta ritenzione idrica.
Dobbiamo partire dal fatto che bere molto ci aiuta, ma non è la soluzione alla ritenzione idrica. Questa è eliminata quando si ha un perfetto ed equilibrato apporto di proteine e sali minerali, le membrane cellulari devono essere funzionanti a dovere, così come i capillari arteriosi e le vene. Va da sé che anche una tonica massa muscolare deve concorrere a creare una pressione sui vasi linfatici, per scongiurare l’accumulo di liquidi extracellulari.
Quindi bere molto aiuta, sì, ma non è la soluzione. Il fabbisogno medio di acqua per ognuno di noi è almeno un litro e mezzo al giorno. Sì all’attività fisica regolare, dunque, e all’assunzione di acqua entro i limiti consigliati. Non strafare, non è scritto da nessuna parte che se si bevono due litri d’acqua al dì la cellulite scompare! Ahinoi, per quella ci sono altri metodi più efficaci.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 27-10-2015


Come abbinare le calze a pois

Quali sono colori per arredamento shabby chic