Quando portare un bambino al cinema

Immagini, effetti sonori, musica da grande schermo: quando portare un bambino al cinema per la prima volta?

Storie raccontate sul grande schermo attraverso immagini, effetti sonori, musica, questo è il cinema per grandi e piccoli.

Un nuovo momento di crescita per il bambino, un momento in cui può dire di fare qualcosa “da grande”, sempre che però l’andare al cinema non avvenga in un momento in cui arreca disturbo al bambino stesso e questo può avvenire, ad esempio, in rapporto a paure che il bambino può provare vedendo un film al cinema (immagini improvvise che possono spaventarlo, suoni troppo alti e forti).

Naturalmente nessuno meglio di mamma e papà conosce i propri figli e sa quando portare un bambino al cinema per la prima volta, ma esistono momenti standard, età precise perché questo accada?

In realtà no, ma è necessario considerare che prima dei 4 anni il bambino non è in grado di mantenere viva la propria attenzione nei confronti di una narrazione, per tutta la sua durata soprattutto (i cartoni animati che normalmente i bambini guardano fino a quell’età non superano quasi mai i 30 minuti di narrazione – anche se oggi i bambini sono molto più attratti dallo schermo televisivo e prestano attenzione anche a storie di animazione più complesse già da molto piccoli).

Si può portare al cinema un bambino di quattro anni, ma è indispensabile non sbagliare la scelta del film, rigorosamente d’animazione, adatto all’infanzia e dalla trama semplice dove buoni e cattivi sono nettamente distinti e identificabili.

È dai 6 anni poi che sviluppano interesse per la suspense e per le emozioni forti, quindi a quest’età ci si può spingere su film d’animazione un pochino più complessi, senza mai oltrepassare determinati limiti, come quello della violenza e scegliendo sempre film adatti all’infanzia.

Infine, è dai 10 anni in su che il livello di comprensione di emozioni e sensazioni anche forti del bambino si innalza ed è da questa età che si possono scegliere anche film non solo adatti all’infanzia, sempre prestando attenzione ai film violenti che vanno comunque evitati.

Portare un bambino al cinema, dunque, all’età giusta si può e almeno all’inizio potrebbe essere bello accompagnare i propri figli e far loro compagnia durante la visione del film per dare loro il giusto supporto, la possibilità di fare domande e avere risposte immediate, rassicurandolo laddove mostra paure.

Naturalmente è fondamentale la scelta del film giusto, adatto al bambino (e questo non solo riguardo la sua età, ma soprattutto riguardo la sua personalità che solo il genitore può conoscere a fondo).

ultimo aggiornamento: 14-11-2015

Donna Glamour Guide

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X