Scopriamo quando iniziare il massaggio perineo, per prepararci al meglio al parto.

Il massaggio perineo è molto importante per prevenire le lacerazioni o evitare che al momento del parto sia necessario effettuare l’episiotomia per consentire l’uscita del bambino, e anche se non è detto che questo non accada nonostante la preparazione perineale, è sempre meglio farlo perché ha una percentuale molto alta di riuscita.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Le prime volte che si effettua il massaggio perineale si avvertiranno i tessuti duri, ma continuando a praticarlo quotidianamente essi diverranno in breve tempo più morbidi ed elastici. L’importante è iniziare piano, ed usare sempre un olio per trattare la zona: di mandorle, d’oliva o germogli di grano, ma ne esistono anche di specifici per il massaggio perineo, prodotti dalla Weleda, di grande efficacia e a prezzi molto accessibili.

Quando iniziare il massaggio perineo?

A circa un mese dal parto: i ginecologi consigliano di iniziare il massaggio perineale a partire dalla trentaquattresima settimana di gestazione, e di praticarlo per 5 – 10 minuti ogni giorno tutti i giorni, integrandolo alla ginnastica di Kegel, con cui si contraggono e rilasciano i muscoli pelvici come se dovessimo trattenere la pipì: in questo modo miglioreremo il tono del pavimento pelvico, e saremo pronte ad affrontare al meglio il parto riducendo sensibilmente il rischio che la zona perineale resti danneggiata.

Riproduzione riservata © 2021 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 30-08-2015


Come fare un massaggio perineo

Quali sono sintomi iperinsulinemia in gravidanza