La comparsa di puntini rossi sul neonato può essere associata a diverse cause tra cui il caldo e il sudore, vediamo cosa c’è da sapere.

Ci sono diverse cause che possono scatenare la comparsa di puntini rossi nel neonato. In alcuni casi queste eruzioni cutanee sono associate anche a prurito o anche a febbre, in altri sono prive di altri sintomi. Dalle malattie esantematiche fino a diverse forme di dermatite, vediamo quali sono le cause più comuni associate alla comparsa di puntini o bollicine sulla pelle.

Puntini rossi neonato: le cause

La comparsa di puntini rossi può essere associata a malattie esantematiche, tra cui ad esempio la sesta malattia. Questa malattia virale segue un andamento piuttosto regolare, dopo un periodo di incubazione di un paio di settimana compare una febbre abbastanza alta. Dopo 3-4 giorni la febbre scompare e appaiono i puntini rossi e non pruriginosi che durano all’incirca altri 2-3 giorni. Le macchioline compaiono quindi quando il piccolo è già in fase di guarigione.

Volto neonato
Volto neonato

La presenza di puntini rossi sul viso del neonato può anche essere dovuta alla dermatite atopica. Questa particolare forma di dermatite, infatti, tende a essere frequente soprattutto nei bambini e può interessare oltre al viso anche braccia e gambe.

Puntini rossi nel neonato: il caldo e il sudore

Con l’arrivo del caldo la comparsa di puntini rossi sulla pelle dei bambini è una situazione molto comune. Molto spesso la causa è un’infiammazione conosciuta come sudamina o dermatite da sudore, un disturbo che tende a manifestarsi con uno sfogo caratteristico soprattutto d’estate. Non a caso, infatti, l’infiammazione tende a interessare le aree del corpo che tendono a sudare maggiormente. Tra le zone più colpite ci sono il collo, le ascelle, le spalle, l’inguine e i glutei, ma anche le pieghe degli arti e l’interno coscia.

bambino spiaggia mare
bambino spiaggia mare

In particolare le bollicine nel neonato possono interessare anche il volto e in molti casi provocano prurito. Per fortuna la sudamina non richiede trattamenti particolari, solo nel caso in cui sia particolarmente aggressiva può essere utile ricorrere ad un antistaminico. In genere il disturbo scompare entro 48 ore, durante le quali è utile far indossare al piccolo degli indumenti leggeri e anche fare un bel bagnetto rinfrescante.

ultimo aggiornamento: 01-08-2021


Come si calcola il peso del feto

Cosa c’è da sapere sulla varicella nei bambini