La comparsa di irritazioni sulla pelle dei bambini può essere un sintomo della dermatite atopica. Vediamo a cosa è dovuta e quali rimedi esistono.

La dermatite atopica nei bambini è una manifestazione abbastanza frequente che può essere provocata da diversi fattori come anche il freddo o lo stress. Questa forma di dermatite viene chiamata ‘atopica’ quando i soggetti che ne soffrono sono più predisposti rispetto ad altri a manifestare allergie. Come vedremo, questo tipo di infiammazione si differenzia da altri disturbi simili come la dermatite da pannolino.

Generalmente questa forma di dermatite nel neonato provoca una maggiore secchezza della pelle e compaiono contemporaneamente dei rossori che si concentrano nelle zone più sensibili. Vediamo quali sono le cause di questa dermatite, con quali sintomi si presenta e quali rimedi esistono per curarla.

Da cosa è causata la dermatite atopica?

Questa forma di dermatite in bambini e neonati è dovuta a svariati fattori, principalmente le cause sono agenti che provocano irritazioni tra cui la polvere o gli elementi inquinanti presenti nell’ambiente. È stato visto, però, che anche l’uso di detergenti troppo aggressivi o l’impiego frequente di tessuti sintetici può provocare la dermatite atopica.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Neonato che piange
Neonato che piange

Per effettuare una diagnosi basta portare il proprio bambino a visita dal pediatra, la dermatite viene diagnosticata direttamente dai sintomi. Tra questi, come abbiamo anticipato all’inizio c’è la secchezza della pelle, ma anche la comparsa di arrossamenti. Inoltre, in molti casi la dermatite atopica può anche essere accompagnata da prurito.

Lo sviluppo della dermatite atopica nel neonato avviene tra i 3 e i 6 mesi di vita. In questo periodo, ma anche fino all’anno di età, la dermatite tende a concentrarsi soprattutto sull’area del viso. Nei bambini di età superiore, intorno ai 5 anni, questa irritazione può presentarsi anche a livello del gomito o delle ginocchia, ma anche al viso e in particolare nel contorno occhi e bocca.

Come prevenire e curare la dermatite atomica nei bambini?

La comparsa della dermatite può provocare molta preoccupazione nelle madri, è quindi rassicurante sapere che esistono sia metodi per curarla, che accorgimenti per cercare di prevenirne la comparsa.

Esistono diversi tipi di rimedi da quelli naturali fino a quelli farmacologici, prima di usare qualsiasi tipo di prodotto è bene però consultarsi sempre con un medico. Per la dermatite atopica la crema da utilizzare è solitamente a base cortisonica che agirà grazie alle proprietà antinfiammatorie di questo farmaco. L’irritazione, però, può anche essere ridotta senza l’utilizzo di farmaci, che sono indicati, invece, in situazioni in cui il disturbo persiste o si aggrava.

Dermatite atopica nei bambini: i rimedi naturali

Prima di ricorrere a dei farmaci si può cercare di ridurre i disturbi della dermatite atopica con dei rimedi naturali. Ad esempio si dovrebbe ridurre il tempo del bagnetto in modo da prevenire la secchezza della pelle. Inoltre, bisogna prestare attenzione ai saponi utilizzati e preferire quelli più delicati.

Mamma con in braccio neonato
Fonte foto: https://www.pexels.com/it-it/foto/amore-persone-donna-bacio-3845407/

Anche dopo il bagnetto è importante asciugare bene la pelle del bambino, ma evitando di sfregarla per non rischiare di peggiorare l’irritazione. La stessa attenzione deve anche essere riposta nella scelta dei detersivi utilizzati per il bucato, che devono essere meno aggressivi possibile.


Cos’è la beta hcg e qual è il suo significato in gravidanza

Affrontare la paura del parto è possibile, conoscendone le cause