Il protocollo Meta è stato ideato dalla dietista Monica Germani, colei che ha seguito la cantante Noemi. Vediamo cos’è e come funziona.

Ideato cinque anni fa dalla nutrizionista Monica Germani, il protocollo Meta (Medical Education Transform Action) è il metodo che ha utilizzato la cantante Noemi per tornare in forma. Scopriamo cos’è e come funziona questo regime alimentare, che promette risultati a dir poco eccellenti.

Protocollo Meta: cos’è e come funziona

Il protocollo Meta è una dieta che, negli ultimi tempi come non mai, sta facendo molto discutere. Il merito è della cantante Noemi, che ha mostrato i risultati del piano alimentare studiato per lei dalla nutrizionista Monica Germani. La dottoressa insegna ai suoi pazienti che vogliono dimagrire a non pensare subito alle calorie da perdere. La persona non è soltanto il corpo e i chili da buttare giù, ma va presa nella sua interezza, anima compresa. E’ inutile lasciarsi ispirare da una fisicità che non vi appartiene, ma è necessario soffermarsi su se stessi. Pertanto, l’accettazione del proprio corpo è la prima cosa da fare per intraprendere davvero la strada del cambiamento.

Il metodo Meta, quindi, non punta solo al cambiamento fisico, ma anche a quello interiore. Gli step che vengono pensati dalla dottoressa Germani sono pensati per agire non solo sul corpo, ma anche sulla mente. Non a caso, il peso, sia quello che di partenza che di arrivo, non è di fondamentale importanza. Piuttosto, c’è da indagare sugli aspetti emotivi e psicologici che si nascondono dietro ai chili di troppo.

Protocollo Meta per dimagrire: i risultati

La dieta della nutrizionista Monica Germani può essere seguita da tutti, sia da coloro che hanno pochi chili da perdere che da quanti presentano una forma di sovrappeso grave. E’ bene sottolineare, però, che, come sempre, prima di cambiare regime alimentare è necessario parlarne con un medico.

Il metodo meta dieta cerca, per prima cosa, di far prendere consapevolezza del proprio corpo davanti allo specchio. Spesso, infatti, quanti vogliono dimagrire non hanno la giusta percezione di sé. In seguito, si analizzano le abitudini e lo stile di vita del soggetto. Soltanto dopo questo aspetto conoscitivo, si passa al regime alimentare vero e proprio. Anche in questo caso, si tiene conto dei gusti della persona e della sua conformazione fisica. In conclusione, è opportuno sottolineare che il protocollo meta dieta si basa su solidi basi scientifiche. Il trattamento, infatti, prevede un prelievo di saliva che analizza il DNA. Questo fornisce tutte le informazioni della persona, quelle che consentono al nutrizionista di creare un regime alimentare ad hoc e assolutamente personalizzato.


Cos’è la stenosi del colon, il problema che ha costretto Papa Francesco a un intervento

Genotossicità: cosa significa e che differenze ci sono con la mutagenicità?