Pillola del giorno dopo: ora si può avere senza ricetta

Svolta per le donne italiane maggiorenni: ora la pillola del giorno dopo può essere acquistata in farmacia senza obbligo di ricetta medica

chiudi

Caricamento Player...

Secondo quanto riporta newsitaliane.it, ci sarebbe stata una vera e propria svolta nella sanità italiana, perchè a partire dal 5 marzo 2016, su tutto il territorio italiano, la pillola del giorno dopo può essere acquistata da donne maggiorenni senza bisogno della ricerca medica, necessaria prima del 5 Marzo 2016. I farmacisti potranno richiedere un documento d’identità nel caso abbaino un dubbio sulla maggiore età della cliente. Il Presidente dell’Associazione dei titolari di farmacia di Verona, Marco Bacchini, avrebbe commentato: “Le disposizioni in merito alla prescrizione e quindi alla dispensazione della pillola del giorno dopo sono state modificate in senso meno restrittivo prima, infatti, il farmaco in oggetto poteva essere consegnato alle pazienti in presenza di ricetta medica non ripetibile. Ricordo, comunque, che la contraccezione ‘ordinaria’ viene valutata e pianificata anche con la consulenza del proprio medico. L’assunzione di questi farmaci deve essere considerata solo nell’emergenza e non come prassi abituale”

L’obbligo rimane per le minorenni

Chi non ha ancora compiuto 18 anni invece, per avere la pillola del giorno dopo, avrà bisogno della prescrizione medica che si può avere anche al pronto soccorso o presso i consultori, come ha spiegato il direttore dell’Aifa, Luca Pani:

“Il farmaco non ha grandi problematiche. Per tutelare le più giovani e visto che in Italia esiste la possibilità di prescrivere la pillola in ogni momento in ospedali e consultori, è stato deciso di lasciare questo limite”

La pillola dei cinque giorni dopo invece, Ella One, introdotta in Italia nel 2011 circa, aveva l’obbligo della ricetta medica e di un test di gravidanza, presto aboliti per facilitarne l’assunzione.

Il professor Annibale Volpe, della Società Italiana della Contraccezione, riguardo a questo passo avanti, avrebbe dichiarato:

“L’abolizione di tale obbligo e’ un traguardo importante che la Sic persegue da tempo. Le donne avranno così non solo piu’ scelta, ma anche meno confusione in testa.Del resto l’efficacia delle pillole d’emergenza è comprovata. I contraccettivi ormonali non hanno effetti collaterali: semplicemente ritardano l’ovulazione impedendo il concepimento. Per questo motivo, qualora la gravidanza sia già in atto, la salute del feto non viene compromessa”