Pillola 5 giorni dopo: cos’è, come funziona, costo

Scopriamo insieme la pillola dei 5 giorni dopo

chiudi

Caricamento Player...

La pillola dei 5 giorni dopo, la RU-486, è un contraccettivo d’emergenza commercializzato dall’anno scorso in Italia (si trova già sul mercato in Gran Bretagna, Spagna, Germania e Francia). Il suo nome tecnico è ulipristal acetato (unica compressa da 30 milligrammi).

A base di ulipristal, non è un farmaco abortivo, ma un contraccettivo (cioè previene una gravidanza), la cui efficacia è stata largamente dimostrata: infatti, secondo i test la percentuale di successo dell’ulipristal è del 98%.
L’ulipristal fa parte degli anti-progestinici, e contrasta l’effetto di un ormone (il progesterone) indispensabile perché si creino condizioni favorevoli alla fecondazione. Quindi, se la RU-486 viene assunta in un periodo di 5 giorni dal rapporto non protetto (120 ore), il farmaco interferisce con l’ovulazione, ritardandola, e prevenendo la fecondazione dell’ovulo. Il farmaco può essere assunto sia a stomaco vuoto che pieno o vuoto.

Attenzione: se dopo averla presa si vomita (entro 3 ore), è meglio prendere una seconda pillola; inoltre, il ciclo mestruale potrebbe essere irregolare.

Le controindicazioni riguardano soprattutto l’interazione con altri farmaci, e comprendono mal di testa, nausea, gonfiore addominale, disturbi dell’umore.

Non è necessaria la prescrizione medica e si può acquistare in farmacia ad un costo di 35 euro (cosa molto di più della pillola del giorno dopo).