Cos’è il periodo dell’ovulazione e perché è così utile sapere come riconoscerlo? Scopriamo quello che c’è da sapere su questa fase del ciclo.

Il periodo dell’ovulazione è da tenere in considerazione se si sta cercando di avere una gravidanza. È nei giorni dell’ovulazione, infatti, che si hanno più chance a disposizione per il concepimento ed è per questo che è bene fare attenzione a quando si ovula.

Sulla questione fertilità entrano in gioco diversi fattori, ma conoscere quando avviene l’ovulazione è sicuramente uno degli elementi determinanti. Tenendo traccia dell’andamento del proprio ciclo si può riuscire a calcolare l’arrivo dell’ovulazione. Anche gli stick ovulatori possono venirci in aiuto per individuare con maggiore precisione il periodo. Vediamo ora cosa rende questa fase così importante nella vita di ogni donna.

Cos’è il periodo di ovulazione

Il nostro organismo segue dei ritmi abbastanza definiti, basti pensare ad esempio al ciclo sonno veglia che è molto importante per il nostro benessere. Per le donne però ci sono anche altri ritmi molto importanti e tra questi spicca sicuramente il ciclo mestruale.

Coppia test gravidanza
Coppia test gravidanza

Di norma il ciclo si ripete ogni 28 giorni, anche se non sempre con la stessa regolarità e dipende ovviamente molto anche da una donna all’altra. In ogni donna però, questo ciclo è caratterizzato dalle medesime fasi: preovulatoria, ovulatoria e luteale. Al termine della fase luteale si ha la comparsa del flusso mestruale ed ha inizio un nuovo ciclo.

Calcolo ovulazione: il periodo fertile quand’è?

Si ha l’ovulazione quando si è terminata la prima fase del ciclo mestruale, ovvero quella definita preovulatoria o anche follicolare. In media questa avviene all’incirca 14 giorni dopo il primo giorno del ciclo, il cui inizio viene considerato come il giorno della comparsa delle mestruazioni.

Fasi del ciclo mestruale
Fasi del ciclo mestruale

Per poterla calcolare però, bisogna tenere in considerazione che non ha una cadenza ben precisa, ma dipende anche da quanto il ciclo è regolare. Per regolarità si intende proprio il ripresentarsi delle mestruazioni a intervalli di 28 giorni. Naturalmente non sempre questo intervallo viene rispettato con regolarità e quando slittano le mestruazioni si sposta anche la data dell’ovulazione. In genere, quindi, ci si può basare soltanto su una stima e si tiene come riferimento la data in cui mancano 14 giorni all’arrivo del prossimo ciclo.

ultimo aggiornamento: 08-02-2021


Cosa significa avere la placenta posteriore?

Come varia la temperatura corporea in gravidanza?