A cosa sono dovute le perdite gialle in gravidanza? Scopriamo cosa indicano in base al periodo in cui avviene la loro comparsa.

Per riuscire a riconoscere le perdite vaginali e capire se si tratta di una condizione fisiologica o se queste secrezioni sono un segnale per cui preoccuparsi occorre prestare attenzione alle loro caratteristiche. Principalmente si dovranno osservare colore, odore e consistenza delle perdite. Un discorso a sé va fatto durante la gestazione in cui oltre all’aspetto delle perdite bisogna anche considerare la tempistica con cui compaiono. Come vedremo, infatti, per capire cosa indicano le perdite gialle in gravidanza, bisogna tenere in considerazione in che trimestre compaiono.

Perdite gialle a inizio gravidanza

Le prime fasi della gestazione e in particolare le prime settimane sono spesso caratterizzate da un aumento delle perdite vaginali. Perlopiù si tratterà di perdite dall’aspetto denso e dal colore chiaro tendente al bianco. Queste secrezioni possono essere considerate fisiologiche e sono semplicemente dovute a una maggiore produzione di muco da parte della cervice. Allo stesso modo perdite bianche possono verificarsi anche in prossimità dell’ovulazione.

Visita medica in gravidanza
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/consultazione-valutazione-medicina-3486590/

In ogni caso già a partire dal primo trimestre di gravidanza non bisogna considerare solo il colore in sé delle perdite, ma assicurarsi che non ci siano altri sintomi concomitanti. In particolare bisogna considerare tutti quei segnali che ci permettono di escludere che si possa trattare di un’infezione. Se, quindi, le perdite sono inodori e hanno un aspetto tendente al bianco o al trasparente possono essere semplicemente causate da un aumento degli estrogeni. Vediamo quali fattori bisogna tenere in considerazione in particolare nel secondo e terzo trimestre.

Muco giallo in gravidanza: cause possibili

Quando le perdite giallastre in gravidanza assumono un colore più scuro possono essere indice di un’infezione in corso. In questo caso le perdite potrebbero avere un cattivo odore ed essere accompagnate da bruciore. Tra le infezioni possibili c’è quella da Trichomonas vaginalis accompagnata da perdite giallo-verdastre. Bisogna fare attenzione anche alle perdite gialle in gravidanza nel terzo trimestre. In questo periodo, infatti, occorre capire se si tratta di una perdita di liquido amniotico e distinguere quindi queste perdite da piccole perdite di urina.

ultimo aggiornamento: 27-08-2021


Streptococco in gravidanza: quali sono i rischi e come si previene

La scarlattina in gravidanza è pericolosa?