Per quanto tempo si prende la disoccupazione ordinaria

In questi momenti le situazioni lavorative in generali sono davvero difficili. Nello specifico, per quanto tempo si prende la disoccupazione ordinaria?

chiudi

Caricamento Player...

Chiariamolo subito: la durata della disoccupazione ordinaria nel 2015 varia a seconda dei contributi versati dal lavoratore al momento della domanda.

L’indennità può coprire infatti al massimo 24 mesi, nel caso si siano versati 4 anni di contributi. Questa decorrenza sarà ridotta a 18 mesi dal 1° gennaio 2017.

La disoccupazione ordinaria viene pagata dall’INPS. Per quanto si percepisce? Per la metà delle settimane coperte da contribuzione nei 4 anni precedenti, fino alla data del licenziamento. Spetta ai lavoratori subordinati che abbiano perduto involontariamente l’occupazione.

Sono compresi nell’elenco anche gli apprendisti e i soci di cooperative ed i dipendenti a tempo determinato delle Pubbliche Amministrazioni. Non spetta, invece, ai dipendenti a tempo indeterminato delle Pubbliche Amministrazioni, a tutti gli operai agricoli ed ai lavoratori extracomunitari con permesso di soggiorno per lavoro stagionale.

Ovviamente spetta se lo stato di disoccupazione è involontario, ovvero se si è subito licenziamento, oppure il contratto di lavoro è scaduto. Si deve presentare una dichiarazione al Centro per l’impiego, che riporti l’attività lavorativa precedentemente svolta e ovviamente lo stato di non occupazione.

Questo documento deve essere presentato esclusivamente in via telematica: se si ha già il proprio PIN INPS, si può accedere al portale e snellire la procedura. In alternativa, via Contact Center al numero 803164 – gratuito da rete fissa. Se si desidera, si può anche andare in patronato, ovviamente, e servirsi del supporto che questi enti offrono.