Patrizia Pepe primavera estate 2017: il colore al Desert Flowers Festival

Patrizia Pepe primavera estate 2017 presenta la nuova collezione ispirata ai colori di una giornata nel deserto al Desert Flowers Festival

chiudi

Caricamento Player...

Patrizia Pepe primavera estate 2017 ha presentato, durante Milano Fashion Week, la nuova collezione nel suo showroom milanese allestito con piccole dune di sabbia e fiori. I colori e le stampe degli abiti si ispirano ai colori, ai fiori e alle luci di una giornata nel deserto al Desert Flowers Festival.

Patrizia Pepe primavera estate 2017

Patrizia Pepe primavera estate 2017 identifica i momenti di una giornata nel deserto in un immaginario Desert Flowers Festival.

Tema che richiama alla mente dettagli anni 70 e gipsy, tra moda, musica, arte e colori. I colori fra tonalità corallo della luce all’alba e al tramonto, ma anche il bianco, i toni del sabbia, blu, rossi, neri e verdi.

La palette: Desert Rose, Light Green, Flower Coral, Sahara Beige, Sky Grey, Festival Red, Music Green e le tonalità fluo. Un arcobaleno di colori pastello e vitaminici per abiti femminili e romantici!

La stampa Desert Flowers ha motivi tridimensionali fil coupé e jacquard lurex ma anche sulle mussole e sui capi foulard. I materiali lievi ed impalpabili come la fluidità del jersey, la leggerezza del lino e del satin, la consistenza del pizzo.

Libertà e leggerezza nel deserto tra sabbia e fiori, tra macramé e sangallo! Non manca il denim che si caratterizza da paillettes nelle sfumature arcobaleno che lo rendono fresco e leggero…

E la pelle, icona di Patrizia Pepe, attraverso lavorazioni ricercate e particolari presenta irridescenze ispirate all’aurora boreale… Il must della collezione è sicuramente il chiodo di pelle dipinto a mano con colori arcobaleno.

Fra le novità il ritorno delle frange per gilet e borse e le gonne gitane con il  lurex. Scarpe e borse boho chic con applicazione di frange e nappine multicolor.

La collezione di Patrizia Pepe unica ed elegante con colori meravigliosi e solari per vivere in libertà l’estate che verrà…