Collezione dal multiforme ingegno, Dior trasforma l’abito in una cintura di sicurezza per sopravvivere ai tempi che corrono.

La strada che Maria Grazia Chiuri ha deciso di perseguire per Dior è molto chiara: innovazione, sperimentazione, sempre di pari passo con la tradizione e l’eleganza della maison. Perché se è vero che la stilista è poco avvezza alle collezioni in combo con altri brand, non disdegna però le collab che offrano un nuovo sguardo alle collezioni Dior.

Così come è accaduto con D-Air Lab, start up che produce dispositivi dedicati alla sicurezza e alla protezione della persona, avvalendosi dell’innovazione della tecnologia D-Air: è sotto questo curioso incontro che va in scena la collezione autunno/inverno 2022-2023 Dior alla Paris Fashion Week 2022.

Dior, la collezione autunno/inverno 2022-2023 alla Paris Fashion Week 2022 in una scenografico spazio tempo

Fedele ormai ad un suo consolidato stile, Maria Grazia Chiuri è molto attenta alla scelta della scenografia delle sue collezioni, lavorando su un impatto reciproco l’una sull’altra: in occasione di questa Paris Fashion Week 2022 ci sembra di entrare tra le pareti bordò di un antico museo, che accoglie i ritratti di donne rinascimentali.

C’è un legame temporale così tra le donne del Rinascimento, periodo di grande fervore culturale, e quelle di oggi, svelando come da ieri ad oggi la tecnologia e l’innovazione si siano evolute nel corso del tempo. Ad aprire la sfilata è un body ricoperto di nervature verdi luminose, che mantengono la temperatura costante: l’effetto tra la sala e un outfit così tecnologico è di fortissimo impatto, quasi ad inaugurare una linea spazio tempo nuova. La collezione infatti si chiama The Next Era ed indaga il rapporto tra il corpo e gli indumenti.

A realizzare la scenografia è stata Mariella Bettineschi, arista femminista, ispirata dalle gallerie di dipinti diffuse in Europa occidentale dal XV secolo, nelle quali re e regine tappezzavano le pareti di dipinti per esibire volti a loro legati per discendenza o per semplice ispirazione.

Una moda non solo bella ed elegante, ma anche tecnologica: le inspo per il prossimo inverno

La scenografia della sfilata ci fa pensare immediatamente alle Wunderkammer, stanze meravigliose che raccoglievano indomiti tesori e in voga dal Cinquecento al Settecento, ed in effetti ad andare in scena è una collezione particolare, sorprendente ma non così inaspettata se pensiamo ad una maison che ama raccontarsi aprendo nuovi scenari, e appunto nuove ere.

E dal momento che queste ere non sono così rassicuranti e dall’impatto tecnologico altissimo, l’autunno/inverno 2022-2023 lancia la tendenza del pratico, degli outfit che rispondano alle esigenze del giorno o di un momento, trasformandosi in dispositivi di protezione eleganti. Così su abiti finemente lavorati in pizzo troviamo protezioni e guanti per motociclisti, mentre la bar Jacket, assoluta protagonista, si reinventa fedele alla sua forma ma dalla texture contemporanea. Le forme sono dritte, sinuose, rigorose, quasi militaresche, è una collezione pronta a rispondere ad ogni bisogno e necessità, ma lo fa nel dress code Dior.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 10-03-2022


La sfilata di Balenciaga: lettera d’amore all’Ucraina

Le nuance del guardaroba autunno/inverno 2022-2023: i colori trend dalla Milano Fashion Week