Olio di perilla: utilizzi

Come utilizzare nella maniera più efficace questo prodotto naturale ancora poco conosciuto in Italia

Olio di perilla: utilizzi più comuni di questa sostanza sono il trattamento di manifestazioni allergiche e l’integrazione alimentare di soggetti che hanno necessità di tenere sotto controllo la pressione arteriosa, la glicemia e la densità ossea.

Le sostanze benefiche dell’olio di perilla

L’olio di perilla è essenzialmente un integratore alimentare. Tutti i benefici che comporta sono dovuti al suo alto contenuto di acidi grassi essenziali polinsaturi del gruppo Omega 3 che svolgono funzioni fondamentali contribuendo alla salute del nostro apparato circolatorio. Gli Omega 3 infatti sono in grado di regolare l’aggregazione delle piastrine rendendo il sangue più fluido e quindi prevenendo trombosi e pericolose ostruzioni delle arterie.
Sono in grado inoltre di ridurre i trigliceridi presenti nel sangue contrastando il loro accumulo lungo le pareti delle arterie. Questo abbassa sensibilmente il rischio di arteriosclerosi responsabili di infarto e ictus.
L’acido alfa-linolenico inoltre è in grado di diminuire moltissimo le reazioni allergiche dell’organismo come l’asma, l’orticaria e le dermatiti, perché inibisce le sostanze che producono difficoltà respiratorie, gonfiori e arrossamenti.
Ancora, gli Omega 3 sono in grado di aumentare la densità ossea: questo rende l’olio di perilla un ottimo integratore alimentare per chi soffre di osteoporosi e soprattutto, in funzione preventiva, per le donne in menopausa.

Olio di perilla: utilizzi e somministrazioni

L’olio di perilla è disponibile in commercio sotto forma di perle gelatinose di varia grammatura, che vanno ingerite preferibilmente al mattino e prima di ogni pasto  in una quantità indicata dalla prescrizione medica.
Si trova talvolta anche in gocce o sotto forma di tintura madre, in questo caso si assumono almeno 4 gocce al giorno. In alternativa è possibile utilizzare l’olio di perilla in quantità di condimento aromatico per insaporire insalate e altri piatti freddi.
per trattare disturbi allergici di varia natura e manifestazione, la psoriasi, l’iperglicemia e la colesterolemia.

ultimo aggiornamento: 30-05-2016

X