L’olio di ricino in gravidanza viene spesso suggerito per indurre il parto e combattere la stitichezza, ma funziona davvero?

L’uso dell’olio di ricino in gravidanza è spesso dibattuto, almeno una volta avrete sentito sicuramente qualcuno consigliarne l’uso, ma cosa dovrebbe fare esattamente? È una credenza abbastanza comune quella di supporre una forte associazione tra olio di ricino e parto.

Sicuramente il motivo è da collegarsi agli effetti lassativi di questa sostanza, ma è proprio vero che si può usare l’olio di ricino per indurre il parto? E quali effetti ha per contrastare la stitichezza? Prima di scoprilo, vediamo qualche suggerimento utile in vista del parto.

Consigli utili in vista del parto

Quando il termine della gravidanza si avvicina, aumentano le paure e l’impazienza, ma prima di utilizzare qualsiasi rimedio casalingo bisogna sempre consultarsi con un medico. L’assunzione dei farmaci, ma anche di integratori o di rimedi erboristici non è mai da prendere alla leggera. Ad esempio non tutti sanno che l’uso della liquirizia in gravidanza è sconsigliato.

Donna incinta
Donna incinta

Questo vale in particolare anche quando si pensa di utilizzare dei metodi casalinghi per indurre il travaglio. L’efficacia di questi metodi non è assicurata, ma soprattutto in alcuni casi può anche costituire un rischio per la salute. Meglio quindi utilizzare soltanto metodi privi di possibili effetti collaterali, come fare delle camminate o un bagno caldo.

Olio di ricino per partorire: serve davvero?

La capacità dell’olio di ricino di indurre il parto sarebbe collegata ai suoi effetti lassativi. Sarebbe, infatti, proprio il forte effetto lassativo a stimolare anche l’utero e far sopraggiungere le contrazioni. Bisogna precisare, però, che l’efficacia di questo metodo non è supportata da dati sufficienti. A ciò si aggiunge il fatto che l’assunzione non ha solo un effetto lassativo, ma tende a scatenare una serie di reazioni nell’organismo.

Tra gli effetti l’olio di ricino tende ad irritare l’intestino, può provocare disidratazione e causare anche dolori all’addome. Ne consegue che, vista la sua dubbia efficacia nell’indurre il parto, è uno dei rimedi che è meglio evitare. E per combattere la stitichezza? L’olio di ricino non è la soluzione ottimale, meglio rivolgersi al proprio ginecologo per sapere quali lassativi usare in sicurezza, prevenendo anche l’eccessiva perdita di liquidi.


Tutte le tendenze per i nomi dei bambini nel 2021

Stimolare il parto è possibile?