In gravidanza si avvertono diversi generi di contrazioni: come distinguere le preparatorie da quelle che preannunciano il parto?

Come forse già saprai, le contrazioni che preannunciato il parto non sono l’unico tipo di contrazione che avviene durante la gestazione. Insieme alle vere e proprie doglie che precedono il momento del parto, infatti, ci sono anche quelle preparatorie. Quest’ultimo tipo di contrazioni possono sopraggiungere anche quando la data presunta del parto è ancora molto lontana. In determinati casi, infatti, le prime possono verificarsi anche quando si è all’incirca a metà della gestazione. Cosa le distingue dalle contrazione del parto?

Contrazioni in gravidanza: quali tipi esistono?

Per poter riconoscere i diversi tipi di contrazioni, vediamo prima cosa le distingue. Le prime a comparire vengono definite preliminari. Queste tendono a presentarsi in media nel periodo della trentaduesima settimana. Ci sono però dei casi in cui la loro comparsa avviene anche prima, soprattutto se non si tratta della prima gravidanza.

Donna Gravidanza Telefono
Donna Gravidanza Telefono

Intorno alla trentaseiesima settimana si hanno, invece, le contrazioni definite preparatorie. Come vedremo, queste si distinguono dalle precedenti anche per la loro durata. Per finire, abbiamo le più conosciute, ovvero quelle del parto. Queste sono contraddistinte dalla loro regolarità e possono verificarsi insieme ad altri segnali che preannunciano il parto. Tra questi ci può essere la perdita del tappo mucoso e la rottura delle acque.

Come riconoscere le contrazioni

Bisogna precisare che non tutte le donne percepiscono le contrazioni preliminari. Innanzitutto, non si tratta di crampi dolorosi, per cui la loro stessa percezione è molto soggettiva. In ogni caso esse sono accomunate dal fatto di essere irregolari, a differenze di quelle preparatorie.

Queste ultime, invece, si distinguono proprio per via di una maggiore regolarità. Le contrazioni preparatorie durano fino ad un minuto e si verificano ogni 15 minuti circa (fino a 2-3 ore). In questo caso, inoltre, insieme alla contrazione si possono anche accusare dei crampi nella zona del basso ventre.

Travaglio
Travaglio

La contrazione tipica del travaglio, invece, tende ad essere regolare. In questo caso, inoltre, la loro durata arriva fino a 60 secondi e sono accompagnate da una sensazione intensa e dolorosa. Si consiglia di andare in ospedale, quando per circa 1-2 ore le contrazioni:
– si presentano a intervalli sempre più ravvicinati (di circa 5-10 minuti)
– hanno una durata tra i 40 e i 60 secondi.

Non sempre, infatti, il sopraggiungere delle contrazioni preannuncia il parto imminente e non è raro avere anche dei cosiddetti falsi allarme.


Quali e quanti tipi di anestesia per il parto esistono?

Chi sono gli autistici ad alto funzionamento e come si presenta il disturbo