L’occhio di pernice del piede è un disturbo più comune di quanto si pensi. Scopriamo da cosa dipende e quali sono i possibili rimedi.

Soffrire di occhio di pernice al piede è piuttosto fastidioso. Si tratta infatti di una formazione simile ad un callo e che può rendere difficile il camminare o persino lo stare in piedi.
Per questo motivo è indispensabile riconoscerlo presto al fine di trovare la soluzione più idonea per porvi rimedio e per tornare a svolgere la propria vita in totale normalità.

Occhi di pernice: sintomi e cause

Il callo occhio di pernice, detto anche tiloma porta con se alcuni sintomi che consistono in una sensazione di dolore, nella difficoltà nel camminare correttamente, in un profondo fastidio al contatto con le scarpe e ad una difficoltà nello stare in piedi.

occhio di pernice
occhio di pernice

Seppur simile ad un callo ha la particolarità di presentarsi solo nei piedi e di ricoprire un’area solitamente minore e per la quale spesso può passare inizialmente inosservato.
Tra le principali cause che portano al callo tra le dita dei piedi o in altre zone ci sono quindi l’uso dei tacchi o delle scarpe troppo larghe, dei piedi con ossa sporgenti o con dito a martello e lo sfregamento continuo dei piedi contro le scarpe.
Per fortuna, per gli occhi di pernice, i rimedi non mancano e si può scegliere tra più opzioni.

Occhio di pernice: come curarlo

Per l’occhio di pernice, la cura può essere a base di prodotti studiati appositamente e che consistono per lo più in creme da passare sulla zona quando il problema inizia a manifestarsi.
Riguardo al come togliere gli occhi di pernice, quindi si può iniziare ad agire così arrivando poi alla rimozione in caso di mancato successo della cura.

Per l’occhio di pernice, i rimedi naturali consistono invece nell’applicazione di gel di aloe per ammorbidire il callo e disinfettare la zona o nell’estratto di olio di calendula che applicato ogni sera aiuta a ridurlo.
Ovviamente, prima di agire è sempre bene farsi vedere dal proprio medico al fine di comprendere l’entità del problema e valutare così la soluzione più idonea.

Ecco un video di riepilogo:

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 13-02-2022


Cosa scatena il prurito alla schiena?

La caseina fa male? Ecco cosa c’è da sapere