Noemi e l’ossessione per la perfezione: la cantante si racconta

Noemi si racconta a Io Donna e parla del rapporto col suo corpo, i chili di troppo e dell’ossessione per la perfezione che dilaga

chiudi

Caricamento Player...

Noemi in un’intervista a Io Donna  si mette a nudo. La cantante racconta il difficile rapporto con il suo corpo, le imperfezioni, e i chili di troppo. Ma parla anche del successo e della sua nuova filosofia di vita che l’ha condotta alla serenità. Veronica Scopelliti, l’artista lanciata da X-Factor nel 2008, ha spiegato: “Negli ultimi tre quattro anni ho preso qualche chilo. I primi tempi non riuscivo neppure a guardare le mie foto, adesso chissenefrega. Non posso diventare gigante (ne risentirebbe la salute), ma così mi vado bene. Incredibile!”.

Noemi oggi è forte e sicura di sè, ma ha lavorato molto su se stessa

Nonostante oggi sia una donna forte e sicura, gli anni adolescenziali non sono stati molto semplici. La cantante ha avuto un’adolescenza solitaria, “ero chiusa e la musica era un rifugio”.

Solo all’università, quando ha cominciato ad esprimersi, accettando i suoi limiti, la gente si è avvicinata: “L’imperfezione è sexy, ti rende simpatica”.

“Trovo pericolosa l’attuale ossessione per la perfezione e soffro a vedere queste ragazzine che non escono di casa se non sono truccate, impeccabili”, ha ammesso.

Oggi Noemi guarda alla vita in modo diverso, con serenità:

La cantante racconta di essere sempre stata molto battagliera, fin troppo. Solo in seguito ha capito che bisogna lasciare scorrere la vita, non fare-fare-fare.

Si era addirittura annullata nel suo mestiere. Allora ha sentito il bisogno di mettere una distanza non esclusivamente psicologica e si è trasferita per un periodo in Inghilterra. Lì si è riscoperta.

La sindrome da controllo la ha accompagnata per quasi tutta la vita, ma ha dovuto imparare a liberarsene. Oggi si perdona persino i punti deboli, e le mancanze.

“Mi guardo con occhi più benevoli: combatto combatto e non arrivano frutti? Bene: significa che non è ancora il momento“.