Nel periodo della gravidanza la nausea è un disturbo molto comune che si presenta in più dell’80% delle gestanti nel primo trimestre.

La nausea in gravidanza interessa la maggior parte delle donne e in alcuni casi può arrivare a diventare un disturbo anche serio che interferisce con le normali attività. Gli episodi di nausea tendono a focalizzarsi soprattutto nel primo trimestre della gestazione, e in più della la metà dei casi insieme alla nausea ci sono anche episodi di vomito.

La semplice nausea non è da confondere con l’iperemesi gravidica, in questo caso si parla invece del manifestarsi di episodi ripetuti e persistenti di nausea e vomito in gravidanza. Questa condizione può provocare anche disidratazione e riduzione del peso corporeo, e in alcuni casi anche chetosi (eccessiva produzione di chetoni per via della scarsa alimentazione).

La gravità del disturbo varia fortemente da donna a donna, e sebbene non comporti esiti negativi per la gravidanza stessa, nei casi più severi questi episodi possono interferire in maniera evidente sullo svolgimento delle azioni quotidiane e lavorative.

Nausea in gravidanza: quando viene

Nella maggior parte dei casi la nausea compare nelle prime otto settimane, mentre circa una donna su tre presenta nausea già nelle prime quattro settimane dall’ultima mestruazione.

Donna Letto Nausea

Gli episodi possono durare in genere fino alla 16esima o la 20esima settimana, anche se ci sono casi in cui la nausea si protrae più a lungo. Spesso alla nausea si associa anche una sensazione alterata del gusto e si riscontra anche una maggiore sensibilità agli odori.

Generalmente si sente sempre parlare di nausea mattutina o serale, tuttavia il momento di insorgenza del disturbo si limita alle ore mattutine solo in una piccola percentuale di casi (dall’11 a 18%). Per la maggior parte delle donne è soggettivo, e può anche ripetersi più volte in una sola giornata.

Nausea in gravidanza: rimedi naturali

Il disturbo tende a scomparire spontaneamente, ma per mitigare gli effetti sono a disposizione oltre ai trattamenti farmacologici con antiemetici specifici, anche dei rimedi naturali. Diversi studi confermano l’efficacia dello zenzero, acquistabile in capsule, mentre in altri casi vengono consigliati anche dei cerotti per il mal d’auto.

Esistono anche degli accorgimenti da seguire per limitare la nausea: fare più pasti con quantità ridotte, evitare di mangiare dopo che è insorta la sensazione di fame, cercando quindi di mangiare prima e preferire cibi leggeri.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro


Gravidanza a rischio: quali sono le cause e come richiedere la maternità anticipata

Come riconoscere le perdite da impianto dovute all’inizio della gravidanza