Moda veneta ecosostenibile: fibre e colori naturali utilizzate dagli stilisti

Moda veneta ecosostenibile: gli stilisti puntano su capsule di capi green

La natura è fashion: questo il motto della moda ecosostenibile, tendenza perseguita dalla moda veneta che potrebbe rivoluzionare il mondo del fashion.

Intervenire in materia di sostenibilità ambientale, oggi più che è un’esigenza forte anche nel campo della moda. Ecco perché in Veneto inizia a prendere forma e a realizzarsi sempre più l’idea di una moda ecosostenibile, che riesca ad opporsi con successo alla Fast Fashion.

Non molto tempo fa anche nel mondo dello show business il tema divenne sempre più acceso, tanto che l’attrice Gwyneth Paltrow diede un forte esempio creando una capsule collection ecologica per Amour Vert, marchio che realizza moda sostenibile da diverso tempo.

Stilisti e designer veneti scelgono le fibre naturali

Prezzi stracciati, condizioni di lavoro inaccettabili, e il forte inquinamento – la moda infatti dopo l’industria petrolifera è la seconda industria più inquinante – dovuto all’uso di sostanze aggressive e pesticidi, si possono combattere solo con una scelta sostenibile, che torni alla natura e al rispetto del pianeta.

Ed è questa infatti la strada che molti stilisti e designer veneti hanno deciso di perseguire, realizzando capi composti da fibre naturali che siano sostenibili ma il cui prezzo li renda anche eco-friendly, accessibili a tutti.

Compiere una scelta così forte e radicale vuol dire parlare non solo di sostenibilità ma anche di eticità, che si traduce in amore e cura del pianeta. Numerose infatti sono le fibre che si possono estrarre dalle piante, e anche per le tinture si può contare su un patrimonio esclusivo naturale.

Due tinture fortemente utilizzate ultimamente sono state il frutto di melograno e la radice di robbia.

Abito in fibra naturale
www.pexels.com

Moda veneta sostenibile: gli stilisti dal tocco Green

Il Veneto è tra le prime regioni che cercano di muoversi in questa direzione. Gli stilisti hanno intenzione di rendere reale la possibilità di potersi vestire con capi, persino abiti da sposa, realizzati con fibre naturali, quali menta, ortica, canapa, per citarne alcune.

• La prima a presentare un abito realizzato in fibra di menta è stata Gabriella Marin. La designer veneziana da diverso tempo lavora con sostanze e fibre naturali e con materiali riciclabili.

Un lavoro che le è stato riconosciuto anche al Green Carpet Talent Competition Award di Parigi, contribuendo a renderla quindi una designer particolarmente attiva in questa direzione.

Abiti Alessandra Micolucci
www.venicefashionweek.com

• In questa direzione si muove anche Alessandra Micolucci, che si può considerare una stilista green a tutti gli effetti. Le sue realizzazioni infatti sono delle piccole opere di artigianato che nelle loro forme comode e lineari e i disegni caratterizzanti, sono un omaggio alla natura.

Ortiche, canapa, lino, cotone sono le fibre naturali e biologiche che caratterizzano la sua collezione, dipinta a mano.

La quarantena fa ingrassare? Scarica QUI la dieta da seguire ai tempi del coronavirus.

ultimo aggiornamento: 22-03-2020

X