Moda green, quando gli abiti diventano ecosostenibili

Non vuoi rinunciare alla moda, ma ci tieni al futuro del nostro pianeta? Con la moda green si può risolvere il dilemma: ecco tutti i marchi su cui fare affidamento!

Secondo una ricerca condotta da Ellen Macarthur Foundation, a partire dagli inizi del ventunesimo secolo, l’industria tessile è seconda per inquinamento, dietro solo alle aziende petrolifere. A partire da questa inchiesta e dalla maggiore attenzione al nostro pianeta, si è giunti all’unica soluzione possibile: la moda green. Se, però, non volete rinunciare ai vostri capi fashion e ai gusti che vi contraddistinguono, non temete!

Alcune delle case di moda più famose al mondo, come Adidas e H&M, si stanno interessando a questo tema, proponendo accessori e abiti glamour che rispettano l’ambiente. Ecco qualche idea!

I marchi della moda green

Adidas. Stella McCartney da sempre si interessa di moda green e per non far mancare il suo tocco di stile agli abiti che disegna ha pensato un paio di sneakers vegane: le famose Stan Smith. Per far fede al suo interesse animalista e a favore dell’ambiente, il cuoio tipico di queste calzatura è stato sostituito dal poliestere riciclato.

Stan Smith vegane
Fonte foto: https://www.instagram.com/stellamccartney/

Ralph Lauren. La celebre azienda ha presentato la prima maglietta in tema green: la Earth Polo è stata realizzata con le bottiglie di plastica recuperate dagli oceani. Quale regalo migliore potreste fare al vostro fidanzato?

H&M. Nata come azienda per abbigliamento low cost, sempre più H&M si occupa di moda green grazie alla collezione Conscious, realizzata con cotone biologico e riciclato. Utilizza anche la lana riciclata e il Tencel, una canapa biologica a basso impatto ambientale. All’interno della collezione sono disponibili molti capi trend, tra cui abiti e gonne colorate, oltre che t-shirt e pantaloni casual.

Timberland. Siete amanti dei famosi stivaletti ma cercate qualcosa di sostenibile? Ecco la soluzione: la linea Timberland Tires. Tramite il riciclo degli pneumatici, il famoso marchio ha creato delle calzature completamente riciclate, rispettando l’ambiente e usufruendo di materiali di recupero. Che idea meravigliosa!

Nokike. I gioielli possono essere eco-sostenibili? Certo che si! Per rispettare appieno l’ambiente ed utilizzare degli accessori glamour ma green, ecco che è arrivata la soluzione. Tramite il riutilizzo di ritagli di pelle, stoffe colorate e anche camere d’aria, l’azienda fiorentina si cimenta ogni giorno nella creazione di gioielli alla moda, coloratissimi e amici dell’ambiente!

Quali sono i tessuti più sostenibili?

Tra i tessuti più comuni che tutti conosciamo, c’è anche il cotone ecosostenibile. Il cotone biologico è infatti una fibra di cotone che però non viene trattata con sostante chimiche, come i pesticidi. Anche il denim può essere sostenibile, solo se vengono utilizzati materiali riciclati e cotoni organici. Per questi capi, inoltre, viene ridotto l’utilizzo dell’acqua durante il processo produttivo e ai coloranti chimici si preferiscono tinture naturali.

Infine, uno dei materiali più sostenibili per l’ambito tessile è Lyocell, un estratto della polpa del legno. Si presenta come un tessuto resistente, morbido e traspirante e si presta perfettamente alle aziende tessili concentrate sulla riduzione dell’impianto ambientale. È infine biodegradabile al 100% e le fibre del legno vengono generalmente prelevate da piante a rapida crescita, come il bambù e l’eucalipto, per non mettere a rischio alcuna specie.

Fonte foto copertina: https://www.instagram.com/stellamccartney/

ultimo aggiornamento: 18-05-2019

X