Miocardite: cos’è, quali sono i sintomi più comuni, come si cura e che tipo di legame ha con il vaccino anti-Covid.

Con l’accelerazione della campagna vaccinale anti-Covid in tutto il mondo è diventato di stretta attualità il tema della miocardite. Il malore occorso al calciatore Christian Eriksen durante una sfida di Euro 2020 ha infatti riacceso i fari su uno dei problemi cardiaci più comuni e difficili da individuare. Ma che cos’è effettivamente la miocardite? Quali sono i sintomi per riconoscerla? E che tipo di rapporto c’è tra questa malattia e il vaccino anti-Covid? Proviamo a scoprirlo insieme.

Cos’è la miocardite: sintomi

La miocardite non è altro che l’infiammazione del miocardio, un componente muscolare (costituito per il 70% da fibre muscolari e per il 30% da tessuto connetivo e vasi sanguigni) del cuore. Componente che in sostanza ne costituisce le pareti e in sostanza lo fa ‘pompare’.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Miocardite
Miocardite

Generalmente si può riconoscere questo tipo di problema da alcuni sintomi frequenti:

– stanchezza protratta nel tempo
– difficoltà di respirazione
– dolore al petto (che può diventare anche lancinante)
– pulsazioni troppo lente, accelerate o irregolari
– gonfiore a gambe, piedi e caviglie
– febbre

Se questi sintomi possono essere abbastanza comuni anche con altre problematiche, ben più grave e preoccupante dovrebbe essere la sincope, una perdita di conoscenza generalmente i breve durata che può portare, in casi estremi, anche a una morte improvvisa. Tuttavia, spesso la miocardite è asintomatica per lungo tempo e per questo difficile da individuare.

Miocardite: cause e legami con il vaccino

Esistono vari tipi di miocardite. Quella simil-infartuale, che si presenta con un dolore toracico; quella fulminante, un’improvvisa disfunzione caridaca; quella a presentazione aritmica, generata da aritmie sopraventricolari e ventricolari gravi; quella cronica, caratterizzata da una lunga fase silente.

Tutti i tipi di miocardite possono essere causati comunque da virus, batteri, funghi, reazioni allergiche a farmaci, sostanze tossiche, malattie autoimmuni o infiammatorie. Una serie di cause molto differenti tra loro che la rendono difficile da prevenire. Tra i virus che possono provocarla ne troviamo alcuni anche molto conosciuti comuni, come la varicella-zoster, l’herpesvirus, l’adenovirus, la rosolia, l’HIV.

Vaccino iniezione braccio donna
Vaccino iniezione braccio donna

Anche il vaccino anti-Covid può provocare la miocardite? In effetti, come la Vitt, anche miocardite e pericardite (infiammazione della membrana che circonda il cuore) sono sotto esame cone due dei rari ma possibili effetti collaterali dei vaccini per contrastare il Coronavirus. Le segnalazioni finora sono state però poche e sono ancora oggetti di verifica. Al momento è dunque difficile capire se ci sia una relazione causale tra il vaccino Pfizer (o di altro genere) e la miocardite.

Cura per la miocardite

Fortunatamente dalla miocardite si può curare, anche da quella fulminante, se si interviene in maniera tempestiva. Putroppo questo accade di rado, proprio perché per le sue caratteristiche questa malattia può essere improvvisa e a lungo asintomatica. Per individuarla esistono comunque diversi esami: rx del torace, elettrocardiogramma, ecocardiogramma, esami del sangue (che includano anche emoculture ed esami infettivologici).

Generalmente per curarla si interviene tramite antibiotici e antinfiamamtori, ma la terapia può variare in base alle cause che hanno portato al sorgere della problematica. In casi molto gravi potrebbe essere necessario arriviare a ricorrere a un pace-maker o a un defibrillatore.

TAG:
coronavirus

ultimo aggiornamento: 25-06-2021


La statua di Lady Diana sarà svelata l’1 luglio: tutte le curiosità sull’inaugurazione

Ecco chi sono gli chef che detengono il maggior numero di stelle Michelin