Cosa bisogna considerare nella scelta del materasso per bambino? Quali materiali ci sono e quali certificazioni è bene conoscere?

Nella scelta del materasso per bambino bisogna tenere in considerazione alcuni elementi fondamentali. Così come per il materasso matrimoniale bisognerà valutare lo spessore e il materiale, in questo caso però servirà tenere conto anche delle misure del materasso in base all’età del bambino. Vediamo, quindi, quali suggerimenti ci possono aiutare nella scelta.

Materassi per bambini: consigli su misure e spessore

Per prima cosa consideriamo le misure, ovviamente bisogna partire dalla dimensioni del lettino e la cosa più importante e che lettino e materasso abbiano le stesse misure. Questo vale in particolar modo per i lettini con le sbarre, per evitare che il materasso sia troppo piccolo e il bimbo possa farsi male o restare incastrato.

Materasso
Materasso

Principalmente ci si basa su due misure standard per i materassi singoli per bambini: 60 x 120 (ideale per bimbi fino ai 5 anni di età) e 70 x 140 cm fino a 7 anni. Oltre alle misure è importante valutare anche lo spessore del materasso, è proprio lo spessore, infatti che garantisce il giusto comfort e permette un riposo ideale. Lo spessore appropriato è quello compreso tra i 10 e i 13 cm.

Materassi per bambini: la scelta del materiale

Tempo fa i materiali impiegati per i materassi erano limitati, ora invece si sente parlare sempre più spesso dell’impiego di fibre naturali o di schiume sintetiche. Nella scelta del materasso per i più piccoli, però, non bisogna valutare solo il comfort. È necessario tenere a mente che i bimbi hanno bisogno di un materasso che offra il giusto sostegno durante la crescita.

Mamma e figlia che giocano sul letto
Fonte foto: https://www.pexels.com/it-it/foto/allegra-madre-e-figlia-che-hanno-divertimento-sul-letto-di-casa-3756036/

Per questo motivo i materassi in memory foam sono sconsigliati per i bambini, meglio, quindi quelli in schiuma di poliuretano o lattice. Fate attenzione anche alle certificazioni dei materassi e, in particolare, per quanto riguarda le allergie, ma anche l’atossicità dei materiali impiegati (certificazione Oeko-Tek). Per ultimo, ma non meno importante, valutate un eventuale acquisto di un materasso sfoderabile. In questo modo avrete meno difficoltà a lavarlo specie nel caso in cui il bimbo dovesse bagnare il letto.


In cosa consiste la conservazione del cordone ombelicale?

Cos’è l’hypnobirthing e come può aiutare ad affrontare il parto